Chiara Ferragni criticata su Colleferro: “La cultura fascista non c’entra. I Bianchi ascoltavano Fedez” 

di redazione Blitz
Pubblicato il 11 Settembre 2020 9:40 | Ultimo aggiornamento: 11 Settembre 2020 9:40
Chiara Ferragni criticata su Colleferro. "La cultura fascista non c'entra. I Bianchi sentivano Fedez" 

Chiara Ferragni criticata su Colleferro. “La cultura fascista non c’entra. I Bianchi sentivano Fedez” (Twitter)

Critiche da destra a Chiara Ferragni per il post sull’omicidio di Willy a Colleferro: “La cultura fascista non c’entra. I Bianchi ascoltavano Fedez” 

Non potevano non scatenare un diluvio di commenti le parole con cui la influencer Chiara Ferragni ha preso posizione sull’omicidio di WIlly Monteiro Duarte a Colleferro. 

La blogger ha rilanciato su Instagram un post di @spaghettipolitics in cui si imputava la colpa dell’agire dei fratelli Gabriele e Marco Bianchi, in carcere per l’omicidio, alla “cultura fascista”.

E ora c’è chi sottolinea che, in realtà, di cultura e di fascismo nella vita e nella storia dei fratelli Bianchi non c’è molto. Mentre ci sarebbero, scrive Franco Bechis su Il tempo, le canzoni di Fedez, marito di Chiara Ferragni. 

Scrive Bechis: “Ecco Gabriele Bianchi insieme alla fidanzata e ad amici in barca a Palmarola il 26 luglio scorso, mentre appunto cantavano e ballavano “Bimbi per strada” di Fedez per poi postarlo nelle loro stories di Instagram. Il loro riferimento culturale era Fedez, non Benito Mussolini”. 

Le critiche del portavoce di FdI di Roseto degli Abruzzi

Anche Francesco Di Giuseppe, 31 anni, vice presidente di Gioventù Nazionale e Portavoce di Fratelli d’Italia Roseto degli Abruzzi (così si definisce sui social), ha mosso obiezioni analoghe. 

 “La #Ferragni si scaglia contro la sub-cultura post fascista che sta sfornando narcisisti palestrati coi capelli ossigenati e con un basso livello di istruzione! Quello in foto è il marito”, ha scritto Di Giuseppe su Twitter, allegando foto di Fedez a petto nudo, con i tatuaggi e i muscoli in vista, ironizzando sulla somiglianza tra quest’immagine e le tante analoghe postate sui social dai fratelli Bianchi: muscoli, tatuaggi e griffe sempre a favore di selfie. (Fonti: Il Tempo, Twitter)