Fantasma del Colosseo. La leggenda di Messalina, moglie inquieta dell’imperatore Claudio

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 Maggio 2015 9:38 | Ultimo aggiornamento: 25 Maggio 2015 9:38
Fantasma del Colosseo. La leggenda di Messalina, moglie inquieta dell'imperatore Claudio

La leggenda del fantasma di Messalina al Colosseo

ROMA – Fantasma del Colosseo. La leggenda di Messalina, moglie inquieta dell’imperatore Claudio. Figlia di Marco Valerio Messalla Barbato, console, e Domizia Lepida, appena quattordicenne fu costretta, per capriccio dell’imperatore Caligola, a sposare il 40enne cugino della madre, Claudio, in carica dal 41 d.C. al 54 d.C. Quest’ultimo era un uomo più grande di lei di trent’anni, balbuziente, zoppo e giunto già al terzo matrimonio.

Donna giovane e irrequieta, Messalina non amava la sua vita matrimoniale. Si narra di come conducesse un’esistenza trasgressiva e sregolata, fatta di relazioni extraconiugali e avventure sessuali nei bordelli dell’epoca. Quando la donna convolò a nozze con un suo amante, Gaio Silio, Claudio decretò la morte di entrambi. La vita di Messalina fu spezzata da un tributo militare che le avrebbe afferrato i capelli pronunciando: “Se la tua morte sarà pianta da tutti i tuoi amanti, piangerà mezza Roma!”.

Leggenda vuole che lo spirito di Messalina vaghi ancora al Colle Oppio, tra il Colosseo e il Foro Romano. Il suo fantasma si aggirerebbe di notte nella Capitale, quando la città dorme. Solo allora è possibile imbattersi nello spirito di questa donna lussuriosa alla continua ricerca di una nuova avventura con qualche uomo.