Francesco Della Corte, la mamma di un ragazzo arrestato per l’omicidio: “Non voglio più vederlo”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 marzo 2018 14:44 | Ultimo aggiornamento: 18 marzo 2018 14:44
Francesco Della Corte ucciso a Napoli, la mamma di un ragazzo arrestato per l'omicidio: "Non voglio più vederlo"

Francesco Della Corte, la mamma di un ragazzo arrestato per l’omicidio: “Non voglio più vederlo” (foto Ansa)

NAPOLI – La mamma di uno dei ragazzi arrestati per l’omicidio della guardia giurata Francesco Della Corte ha detto che non vuole più vedere il figlio.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela

La guardia giurata è stata uccisa a Napoli, aggredita a sprangate da una gang. E’ Repubblica, in un articolo a firma di Conchita Sannino, a riportare le parole della donna:

“Ho detto a mio figlio che ora non mi vedrà più. Io non ci volevo credere che avevano fatto una cosa così assurda. Anche se lui ha guardato solamente, perché io non ci credo che lui ha colpito, ma deve pagare il suo reato. Non ha voluto studiare, lo stavo mandando in Germania a lavorare. Era l’unico modo per salvarsi”.

“Qui c’è il biglietto telematico: giovedì mio figlio doveva partire. Per pochi giorni si è distrutto la vita”. Il ragazzo indagato ha un fratello gemello, alto e sottile, che ora sembra sotto shock: “Non avevo capito niente, non si è confidato. Lui usciva con gli amici, io ormai stavo solo con la mia fidanzata”.

Contro i genitori dei presunti assassini si è scagliato il figlio della vittima: “Per me sono complici degli assassini, sia chi esprime solidarietà sui social con i minorenni arrestati sia i loro genitori che li hanno lasciati alle 3 di notte andare in giro aggredendo un uomo buono che faceva il suo lavoro”. Così all’Ansa Giuseppe Della Corte, 25 anni, figlio di Francesco Della Corte, 51 anni, il vigilante morto a Napoli venerdì dopo essere stato aggredito il 3 marzo. I suoi presunti assassini sono stati arrestati. “Vogliamo giustizia, fino in fondo. Devono marcire in galera”, dice.

Video dalla pagina Youtube di Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev.