Crollo ponte Genova, saltano Brencich e Ferrazza, i tecnici nominati dal ministro

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 agosto 2018 10:00 | Ultimo aggiornamento: 24 agosto 2018 10:00
Crollo ponte Genova, saltano Brencich e Ferrazza, i tecnici nominati dal ministro

Crollo ponte Genova, saltano Brencich e Ferrazza, i tecnici nominati dal ministro

ROMA – Va risolvendosi il complicato pasticcio nella commissione istituita dal ministero delle Infrastrutture per indagare sul crollo del ponte Morandi a Genova: App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] tre dei tecnici nominati dal ministro Toninelli erano infatti in conflitto di interessi per precedenti incarichi e collaborazioni con Autostrade per l’Italia o per essere stati al corrente nei mesi scorsi sullo stato del degrado del ponte stesso.

Uno, Antonio Brencich, si è dimesso, al secondo, Roberto Ferrazza, sarà revocato l’incarico. Ferrazza e Brencich facevano parte del gruppo di sette esperti che sei mesi fa in una riunione sulle condizioni del viadotto presero atto dei rischi ma, esaminando gli interventi programmati dalla società Autostrade dei Benetton, conclusero il verbale così: “Complessivamente il progetto esecutivo esaminato appare ben redatto e completo in ogni dettaglio. Lo stesso risulta studiato in modo metodologicamente ineccepibile”.

Il professor Antonio Brencich ha rassegnato oggi ufficialmente le sue dimissioni da componente della commissione ispettiva del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sul crollo del ponte Morandi di Genova. Lo si legge in una nota del Ministero in cui si annuncia anche che il ministro Danilo Toninelli “allo stesso tempo ha dato mandato per la revoca dall’incarico di presidente della stessa commissione per l’architetto Roberto Ferrazza, secondo ragioni di opportunità in relazione a tutte le istituzioni coinvolte in questa vicenda”.

Contestualmente, annuncia il Ministero, sarà a breve aggiunto all’organico della commissione ispettiva del Mit Alfredo Principio Mortellaro. Dirigente del Consiglio superiore dei lavori pubblici, Mortellaro – spiega la nota – rappresenta una figura professionale di altissimo livello e con una esperienza trentennale alle spalle. Peraltro, nell’ambito dei molteplici compiti istituzionali, ha anche lavorato al collaudo di opere come il Terzo Valico. Il Ministero, si legge nella nota, ringrazia Brencich “per il lavoro fin qui svolto e per il gesto che mostra grande professionalità e sensibilità istituzionale”.