Guido Conti, l’ex generale suicida. Il giallo della telefonata anonima

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 novembre 2017 13:17 | Ultimo aggiornamento: 21 novembre 2017 13:17
guido-conti

Guido Conti

SULMONA – Poche ora prima che il corpo di Guido Conti venisse trovato sul ciglio della provinciale, a Sulmona, una telefonata anonima alla redazione del sito locale “Prima di Noi” annunciava le dimissioni dell’ex generale dalla Total. Proprio con la Total, dopo aver chiuso la carriera con il Corpo Forestale, Guido Conti aveva iniziato a collaborare come Direttore Esecutivo Ambiente e Sostenibilità con autorità per tutte le attività italiane del gruppo Total E&p Italia spa.

Questo infittisce il giallo sulla morte dell’alto ufficiale, anche perché a parlare dall’altro capo della cornetta è una voce criptata da un numero anonimo. La registrazione è stata acquisita dalla Procura che già indagava per istigazione al suicidio.

In una lettera trovata dopo la sua morte e indirizzata «Alla famiglia», il Generale dei carabinieri forestali in congedo, Guido Conti, trovato cadavere in un’auto con la quale era uscito di casa ieri mattina, cita la vicenda di Rigopiano come fonte per lui di grande angoscia.

Nella lettera d’addio si legge:

Da quando è accaduta la tragedia di Rigopiano la mia vita è cambiata. Quelle vittime mi pesano come un macigno. Perché tra i tanti atti, ci sono anche prescrizioni a mia firma.

Ma la famiglia smentisce ogni collegamento tra la morte di Guido Conti e la tragedia di Rigopiano:

Apprendiamo con immenso dolore come la morte del nostro congiunto sia stata messa in relazione alla tragedia di Rigopiano. Stupisce che questa correlazione sia stata da taluno ipotizzata in assenza di qualsiasi collegamento diretto e indiretto tra l’attività svolta da Guido e le vittime di Rigopiano. Tutto ciò aggiunge dolore al dolore.

E ora questa telefonata anonima altro non fa che aumentare il mistero circa il suicidio di Guido Conti.

Questo l’audio della telefonata: