Mario Adinolfi sui bulli di Lucca: “Mandategli J-Ax e vediamo se lo stendono”

di redazione Blitz
Pubblicato il 20 aprile 2018 9:47 | Ultimo aggiornamento: 20 aprile 2018 10:46
Mario Adinolfi sui bulli di Lucca: "Mandategli J-Ax e vediamo se lo stendono"

Mario Adinolfi sui bulli di Lucca: “Mandategli J-Ax e vediamo se lo stendono”

ROMA – “Mandate J-Ax a spiegare agli studenti di Lucca perché non devono bullizzare il prof e vediamo dove lo mandano a stendere”. E’ il ragionamento un po’ contorto di Mario Adinolfi, secondo il quale gli episodi di bullismo a scuola sono tutti figli di questa epoca, della perdita di valori e dell’assenza di fede.

Il leader del Popolo della Famiglia ha sentito l’esigenza di commentare i fatti di Lucca: tre studenti hanno preso di mira un professore chiedendogli di modificare un voto sul registro, sfiorandolo con una testata e colpendolo con un cestino dei rifiuti.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

Per Adinolfi il comportamento dei tre ragazzi si spiega con l’assenza di valori sani cui ispirarsi. E tira fuori pure il discorso di Ivan Karamazov, il tormentato personaggio creato dalla penna di Dostoevskij, quando spiega che se Dio non c’è, allora tutto è permesso. Ma a questo punto il ragionamento di Adinolfi prende una strana piega e vira su una delle sue ultime fisse: la catena di negozi di cannabis legale, lanciata dal cantante J-Ax. Anche quella, secondo Adinolfi, è espressione dell’assenza di valori.

Ecco le sue esatte parole:

“Il fatto del giorno oggi è il caso dei tre ragazzi che bullizzano il prof. Tutti che si scandalizzano senza capire che i tre hanno probabilmente assimilato il discorso di Ivan Karamazov, senza avere ovviamente minimamente coscienza di chi cavolo sia Ivan Karamazov.

A me pare chiaro che se una società cancella Dio, atrofizza e femminilizza l’autorità paterna, chiama impunemente “Maria Salvador” un brand di marijuana irridendo con la Madonna tutte le madri, sorprendersi poi per tre ragazzi che portano a diretta conseguenza la lezione di una società scellerata è quantomeno ipocrita.

Ivan Karamazov spiegava che se Dio non c’è, tutto è permesso. I tre ragazzi sono semplicemente conseguenti. Mandate J-Ax a spiegare loro perché non devono bullizzare il prof. Vediamo dove lo mandano a stendere”