Micole Scofano, compagno indagato. Quell’ultima frase sulle sette sataniche…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 Gennaio 2015 14:44 | Ultimo aggiornamento: 12 Gennaio 2015 14:44
(foto Lapresse)

(foto Lapresse)

ROMA – È stato iscritto nel registro degli indagati il fidanzato di Micole Scofano, la 20enne che lo scorso 17 maggio 2014 si gettò nel vuoto, dal quinto piano del palazzo in cui abitava nel quartiere Trionfale di Roma. Micole, studentessa calabrese di Medicina quel giorno lasciò un biglietto: “Non mi piace stare a Roma, qui frequento brutte compagnie”. E il sospetto degli inquirenti è che sia stato il fidanzato, anche lui di origine calabrese ma residente a Roma, a presentare alla ragazza queste “brutte compagnie”. E nel biglietto Micole scriveva anche di “esser stata rovinata dalle sette sataniche”.

“Era bella da togliere il fiato” ricordano gli amici, i parenti, i genitori che ancora non riescono a darsi pace di quanto accaduto. Studentessa brillante Micole il giorno prima del suicidio aveva parlato al telefono con la madre con la quale si era accordata per vedersi il giorno dopo, quello del suicidio. Aspettando le analisi dei cellulari, di Micole e del fidanzato, i magistrati però predicano calma e cautela.