Milano, mancano 100 presidenti di seggio: appello del Comune

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 Settembre 2020 15:00 | Ultimo aggiornamento: 19 Settembre 2020 15:00
Milano, mancano i presidenti di seggio. Foto d'archivio Ansa

Milano, mancano 100 presidenti di seggio: appello del Comune (foto Ansa)

Milano, mancano 100 presidenti di seggio: appello del Comune.

Il Comune di Milano cerca presidenti di seggio in vista del referendum sul taglio dei parlamentari che si terrà domani e lunedì.

Sono state circa un centinaio infatti, come hanno fatto sapere dal Comune, le rinunce last minute e così l’amministrazione ha deciso di lanciare un appello ai cittadini via social per mettersi a disposizione.

“Informiamo i cittadini del Comune di Milano che stiamo cercando presidenti di seggio per il referendum costituzionale – si legge nel messaggio -.

È possibile candidarsi direttamente all’Ufficio elettorale di Via Messina 52 fino alle 16 di oggi basta portare con sé un documento d’identità”.

Genova, trovati 800 sostituti scrutatori

Sono state molte le risposte alla chiamata del Comune di Genova e in queste ore gli uffici elettorali stanno provvedendo a sostituire gli ultimi 200 scrutatori rinunciatari e a completare i collegi per le 653 sezioni sul territorio cittadino.

Ieri l’ente aveva dovuto ricorrere a un appello sui social per trovare i sostituti di 855 scrutatori e presidenti di seggio, praticamente uno su tre.

Il comune aveva già reperito 600 persone.

Proprio con le mail arrivate il Comune è riuscito a colmare alcune lacune.

Il problema si è creato perché in molti fra i nominati nelle liste non si sono mai presentati a ritirare la nomina stessa.

Molte rinunce sono legate alla paura del Covid e al fatto che, gli addetti ai seggi, ad esempio dovranno indossare la mascherina per diverse ore di seguito.

Inoltre, nonostante il maggiore impegno richiesto per garantire un voto in sicurezza, non sono state previste maggiorazioni rispetto alla retribuzione (224 euro per i presidenti di seggio, 170 euro per scrutatori e segretari). (Fonte: Ansa).