Modena, si barrica in casa e minaccia di uccidere la figlia di tre anni: si arrende dopo 4 ore

di Gianluca Pace
Pubblicato il 24 Settembre 2019 22:07 | Ultimo aggiornamento: 24 Settembre 2019 22:07
Una volante dei carabinieri

Una volante dei carabinieri (foto Ansa)

MODENA – Si barrica in casa, tiene in ostaggio la figlia di tre anni e minaccia di ucciderla e di togliersi la vita.

Una donna di trent’anni armata di coltello si è barricata questo pomeriggio, martedì 24 settembre, in casa, per quattro ore, a Montebaranzone di Prignano, in provincia di Modena, tenendo in ostaggio la figlia di tre anni, minacciando di ucciderla e di togliersi la vita. Il fatto è accaduto dalle 14 alle 18 circa. Sul posto sono intervenuti immediatamente i Carabinieri di Modena e Sassuolo, oltre a una squadra di supporto di Bologna, Vigili del Fuoco e 118. La donna avrebbe deciso di sequestrare la figlia che – da quanto trapela secondo le prime informazioni – è in carico ai servizi sociali, una volta appreso che la bambina doveva essere allontanata da casa dagli stessi servizi sociali, che erano appena giunti sul posto. Per convincere la donna a desistere dal suo intento – ha minacciato di uccidere la piccola e suicidarsi – è intervenuto anche il Carabiniere-Negoziatore. Alla fine la donna si è arresa e la piccola è stata liberata e posta in salvo. Sul posto sarebbe arrivato anche il marito della donna, che ora si trova con i Carabinieri.

Fonte: Ansa.