Pavia, Laura Carla Lodola morta: segregata in casa, pesava solo 20 chili

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 Gennaio 2015 11:46 | Ultimo aggiornamento: 28 Gennaio 2015 11:46
Pavia, Laura Carla Lodola morta: segregata in casa, pesava solo 20 chili

Pavia, Laura Carla Lodola morta: segregata in casa, pesava solo 20 chili

PAVIA – Laura Carla Lodola non c’è la fatta. La donna di 55 anni, segregata in casa e malnutrita a tal punto da pesare appena 20 chili, è morta il 28 gennaio in un letto del Policlinico San Matteo di Pavia. Il compagno Antonino Calandrini, 60 anni, è stato fermato e si trova in carcere con le accuse di abbandono di incapace e sequestro di persona.

La notizia è stata appresa in diretta, questa mattina, dall’inviato di ‘Mattino 5’ la trasmissione di Canale 5 condotta da Federica Panicucci e Federico Novella. Antonino Calandrini, 60 anni, il convivente della donna, è in carcere dalla mattina del 27 gennaio, dopo essere stato arrestato dagli agenti della squadra mobile di Pavia.

Le ipotesi di accuse nei suoi confronti sono quelle di abbandono di incapace, sequestro di persona, maltrattamenti e lesioni gravissime. Dopo la morte di Laura Carla Lodola, l’uomo ora potrebbe anche essere accusato di omicidio colposo: la decisione spetterà alla Procura di Pavia, che sta svolgendo le indagini sul caso.