Riapertura scuole nel Lazio, Dad estesa fino al 18 gennaio per le Superiori. Oggi Zingaretti firma l’ordinanza

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 Gennaio 2021 16:03 | Ultimo aggiornamento: 8 Gennaio 2021 16:03
riapertura scuole lazio dad

Riapertura scuole nel Lazio, Dad estesa fino al 18 gennaio per le Superiori. Oggi Zingaretti firma l’ordinanza (foto ANSA)

Le scuole superiori del Lazio saranno in Dad fino al 18 gennaio. Il Presidente della Regione Nicola Zingaretti, visto l’incremento della curva dei contagi da Covid, firmerà oggi un’ordinanza per prolungare al 18 gennaio l’apertura in presenza delle scuole superiori. Fino a quella data continuerà ad essere attiva la didattica a distanza per gli studenti delle scuole secondarie.

“Il nostro obiettivo è quello di riaprire in sicurezza le scuole ma è doveroso farlo garantendo il massimo livello di attenzione. La Regione Lazio dopo aver potenziato il sistema dei trasporti è pronta a far ritornare gli studenti in presenza ma la curva dei contagi di questi ultimi giorni ci costringe a scegliere la prudenza” ha spiegato il vicepresidente della Giunta regionale Daniele Leodori.
“Dal 18 gennaio – conclude – seguiremo le indicazioni nazionali in merito alla riapertura in presenza delle scuole”.

Riapertura scuole nel Lazio, l’appello dei docenti: “Fondamentale vaccinare personale”

Una scelta, quella di prolungare la Dad fino al 18 gennaio, che rasserena il clima dopo il forte dissenso espresso tramite una lettera dai docenti del Liceo scientifico Morgagni di Roma sulla possibilità delle lezioni in presenza da lunedì 11 per gli istituti superiori del Lazio.

“Bisogna passare dalla propaganda all’azione e mettere in campo soluzioni concrete ai problemi strutturali interni ed esterni agli Istituti che fino ad oggi ci sembrano irrisolti. E’ fondamentale che il personale scolastico sia inserito nella fase I dell’agenda vaccinale per proteggerlo dai rischi di contagio, nonché garantire la tanto declamata continuità dell’ offerta formativa”.

Per i docenti, insomma, è cruciale “garantire un ritorno in presenza in sicurezza, che assicuri continuità fino alla fine dell’anno scolastico”. “Appare prioritario – hanno scritto – che il rientro in presenza sia subordinato allo sviluppo di un reale progetto di potenziamento del trasporto pubblico cittadino e di un piano efficace per il tracciamento dei contagi che contempli la possibilità di accesso veloce ai tamponi per studenti e docenti al fine di circoscrivere possibili focolai”. Inoltre nella lettera si segnala che “nel pieno dell’era Covid con la didattica digitale integrata in atto, in alcuni istituti superiori della capitale, tra cui il nostro, sono state accorpate delle classi considerate poco numerose (21 studenti), tornando proprio a quelle classi ‘pollaio’ che, ufficialmente, si dice di voler evitare”. 

Nel Lazio prosegue la campagna Scuolasicura: test rapido gratis per gli studenti

Intanto nel Lazio prosegue la campagna “Scuolasicura”, che offre gratuitamente a ragazzi dai 14 ai 18 anni senza prescrizione medica e al personale scolastico munito di prescrizione la possibilità di effettuare un tampone rapido. (fonte ANSA)