Capri, francese stuprata: fermato un 17enne della ‘Napoli bene’

Pubblicato il 7 agosto 2010 13:34 | Ultimo aggiornamento: 7 agosto 2010 19:49

E’ stato fermato un ragazzo di 17 anni per lo stupro della 17enne francese avvenuto ieri a Capri.

Il 17enne G.F., appartiene ad una famiglia della ‘Napoli bene’: sarebbe figlio di un noto professionista del capoluogo campano. Agli inquirenti, in un primo momento, avrebbe detto di non ricordare nulla di quanto accaduto.

Ma ad ‘incastrarlo’ ci sarebbero le immagini delle telecamere presenti in zona. Il 17enne fa parte di una comitiva composta da ragazzi tutti di famiglie facoltose di Napoli.

La vittima dello stupro, insieme ad altre due amiche, era a Capri ospitata in un albergo proprio da un ragazzo napoletano, componente dello stesso gruppo. Ieri sera sarebbero usciti tutti insieme, in giro per i locali della movida. Poi, i due diciassettenni si sarebbero appartati. Cosa sia successo dopo, è ancora da ricostruire. Alcol, forse un rifiuto, avrebbero fatto scattare la violenza. Al vaglio anche se i due abbiamo utilizzato qualche sostanza stupefacente. Il 17enne, prima di essere condotto in commissariato dove è stato sottoposto a fermo, era in una villa di Anacapri.

La giovane è stata trovata all’alba in stato di incoscienza in strada da un operatore ecologico, ed è stata portata in ospedale dove i medici hanno constatato la violenza e le hanno applicato cinque punti di sutura.

La ragazza è in vacanza sull’isola con alcune amiche. E’ stata trovata in stato di incoscienza in via Ignazio Cerio, nei pressi di via Camerelle, la strada delle boutiques non lontana dalla celebre Piazzetta.