Agricoltura in crisi, mandiamo nei campi i cassintegrati o gli immigrati?

di Antonio Del Giudice
Pubblicato il 6 Maggio 2020 9:49 | Ultimo aggiornamento: 6 Maggio 2020 9:49
Coronavirus. Agricoltura in crisi, mandiamo nei campi i cassintegrati o gli immigrati?

Agricoltura in crisi, mandiamo nei campi i cassintegrati o gli immigrati? (Foto d’archivio Ansa)

ROMA – Coronavirus. A mano a mano che il Coronavirus si allontana dai polmoni, sale in direzione dei cervelli. In questa specie di ring senza corde dove ognuno tira a casaccio.

I malati diminuiscono finalmente, i morti anche. Per quanto i morti non possono contarsi  a mucchi come i polli in macelleria. Sono sempre troppi.

Le fasi si aprono fra timori e contestazioni. Il lavoro riprende timidamente, ma riprende. Le imprese si organizzano e si lamentano al tempo stesso. 

L’Europa discute su come stampare danaro. La questione è complessa e ridurla a slogan è pura mistificazione. L’eterna campagna elettorale non è la soluzione.

A leggere i giornali si capisce che, sotto sotto, riprende la vexata questio dell’immigrazione più o meno clandestina. Nazionalisti e globalisti mettono mano alla pistola ad acqua.

L’agricoltura, dal Piemonte alla Sicilia, soffre. I prodotti della terra marciscono alla pianta. Mancano le braccia per la raccolta. La mafia del nuovo schiavismo lucra appunto sui nuovi schiavi.

Leggo simpatiche e acute analisi. I globalisti tolgono lavoro ai nostri disoccupati per procedere alla sostituzione etnica, complice anche papa Francesco. E ti pareva…

Medici, ingegneri, avvocati, commercialisti disoccupati pronti a tornare alla terra. O semplici chef, ragionieri, parrucchieri, estetisti e salumieri. Non vedono l’ora.

L’ipotesi è assai suggestiva. E infatti gli uffici di lavoro sono presi d’assalto da medici, avvocati, ingegneri e compagnia cantante.

I nazionalisti, che vogliono bene all’Italia più dei globalisti, sperano una buona volta di prendere due piccioni con una fava.

Rimettere a bagno gli immigrati e restituire all’agricoltura le famose braccia rubate.