Regionali Emilia Romagna, prima proiezione Swg: Bonaccini al 51,8%, Borgonzoni al 41,5%

di Lorenzo Briotti
Pubblicato il 26 Gennaio 2020 23:41 | Ultimo aggiornamento: 27 Gennaio 2020 0:04
Stefano Boanccini e Lucia Borgonzoni

Stefano Boanccini e Lucia Borgonzoni (Ansa)

ROMA – Regionali 2020. Oggi, domenica 26 gennaio, si è votato in Emilia Romagna e in Calabria. Secondo la prima proiezione Swg per La7, in Emilia Romagna Stefano Bonaccini del centrosinistra è al 51,8%, Lucia Borgonzoni del centrodestra è tra al 41%.

La prima proiezione sembra quindi confermare gli exit poll che vedrebbero Bonaccini confermato alla carica di governatore.

Questi i voti ai partiti: 

Pd 31,2%, Bonaccini Presidente 7,4%, Emilia Romagna Coraggiosa 4,4%, Emilia Verde 2,8%, Più Europa 1,3% per un totale al centrosinistra pari al 47,6%. Bonaccini quindi si attesterebbe 4 punti sopra la somma dei voti dei partiti. 

Per quanto riguarda il centrodestra, la Lega è al 31%, Fratelli d’Italia all’8,3%, Forza Italia al 2,7%. La lista Borgonzoni Presidente al 2,1%, Giovani e Ambiente allo 0,2%, il Popolo della Famiglia allo 0,2%. 

Il totale dei partiti del  centrodestra è 44,2%.

Hanno chiuso alle 23 le urne per eleggere il presidente della Giunta e i componenti dell’Assemblea legislativa in Emilia Romagna e in Calabria. Sono stati chiamati alle urne quasi 5,5 milioni di elettori: oltre 3,5 milioni di cittadini in Emilia Romagna mentre in Calabria gli elettori sono stati circa 1,8 milioni.

Nel comitato elettorale di Stefano Bonaccini, l’arrivo dei primi exit poll è stato accolto soprattutto da cronisti e fotografi. Bonaccini, infatti, non c’è e arriverà solo più tardi, una volta che usciranno risultati più consolidati.

Il governatore uscente è a cena a Bologna a casa di amici, dove ha visto la partita della Juventus, dopo aver assistito a un match di volley a Modena. A Casalecchio, nel frattempo, è arrivato il sindaco di Bologna, Virginio Merola.

Fonte: La7, Ansa