Roma: Radicali, Verdi e Fli uniti su coppie di fatto e testamento biologico

Pubblicato il 6 Luglio 2012 15:30 | Ultimo aggiornamento: 6 Luglio 2012 15:35

ROMA – Riconoscimento delle famiglie di fatto, apertura del registro dei testamenti biologici, riduzione dei costi della politica. Ma non solo. Largo al trasporto pubblico, stop al consumo del territorio, rifiuti zero e accesso libero al mare: Radicali, Verdi e Fli si ‘coalizzano’ per Roma e a meno di un anno dalla prossima tornata delle comunali lanciano una campagna per otto referendum dal titolo ‘Roma si muove’.

A creare il comitato promotore sono il segretario dei Radicali Italiani Mario Staderini, il segretario dei Verdi Angelo Bonelli e il responsabile cultura di Futuro e Liberta’ Umberto Croppi. L’obiettivo è ambizioso: raccogliere 50 mila firme in tre mesi, per sottoporre i quesiti ai romani entro i primi sei mesi del 2013. ”Il nuovo sindaco di Roma – affermano – di Roma dovrà tenere conto del voto dei cittadini”.

”Roma ha la possibilità di dimostrare alla politica che sui diritti gli italiani non hanno più voglia di aspettare”, afferma Staderini. ”La Capitale può essere di esempio per tutta Italia – gli fa eco Bonelli – rivoluzionando il modo di governare una città partendo dalle scelte dei cittadini”. Mentre Croppi ricorda: ”Nella logica della spending-rewiew si può fare immediatamente un forte risparmio sugli enti locali, azzerando i Cda delle municipalizzate in house, a Roma costano 4,5 milioni di euro l’anno solo di emolumenti”.

Per i referendum si potrà firmare in tutte le sedi dei municipi e nei tavoli allestiti in strada e comunicati quotidianamente sul sito www.romasimuove.it. I primi banchetti saranno allestiti stasera dalle 19.30 in diverse piazza romane, come San Silvestro, e davanti ai luoghi dell’estate romana (da Roma Vintage alla Festa Democratica). Domani l’appuntamento con Staderini, Bonelli e Croppi è in mattinata al mercato di Testaccio dove saranno allestiti altri banchetti.

5 x 1000