Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Egitto, 8 conduttrici sospese perché grasse: “A dieta o licenziate”

Tieniti aggiornato con Blitz quotidiano:

IL CAIRO – “Andatevene, mettetevi a dieta e se riuscirete a perdere peso potrete tornare a presentare i programmi”: è quanto si sono sentite dire otto conduttrici della televisione di Stato egiziana. Sospese dal servizio per un mese perché sovrappeso.

E a prendere la decisione, almeno ufficialmente, è un’altra donna, la presidente di ERTU (Egyptian Radio and Television Union) Safaa Hegazy, che ha chiarito che le otto conduttrici potranno tornare nel piccolo schermo solo se avranno un “aspetto appropriato”.

“E’ un assassinio morale, è stato il commento di una delle otto dirette interessate, Khadija Khattab. Ho lavorato qui per più di 15 anni e ora, all’improvviso, coloro che mi odiano possono diffamare pubblicamente la mia carriera”.

Il Centro per l’orientamento e la consapevolezza giuridica delle donne ha condannato la decisione della ERTU, affermando che “viola la Costituzione” ed è una forma di violenza contro le donne, e ha invitato l’emittente radio-televisiva di Stato a fare marcia indietro. Solidali con le otto presentatrici sospese anche i loro colleghi maschi.

Ma nonostante le critiche arrivate da più parti, e il dibattito in corso sul fatto se le sospensioni siano o meno giustificate, l’emittente televisiva ha fatto sapere che non ritirerà la sua decisione e nel frattempo le anchorwoman sospese non saranno retribuite.

 


TAG: ,

PER SAPERNE DI PIU'