Blitz quotidiano
powered by aruba

Bancomat contactless, attenti al ladri: possono rubarvi i soldi così…

LONDRA – Il progresso tecnologico va di pari passo con le svariate tecniche inventate da truffatori e ladri, che riescono a rubare soldi in maniera sempre più veloce e sicura. L’ultima “trovata” è quella delle carte di credito contactless, vale a dire quel tipo di carte che è sufficiente passare vicino al POS, l’apparecchio dove si inserisce il PIN.

Questo tipo di carte, però, hanno creato una grande falla nel sistema di sicurezza, dal momento che i truffatori riescono ad acquisire i soldi sul conto in banca mentre si passeggia in strada, si sta comodamente seduti in un ristorante o si guardano le vetrine dei negozi. Le nuove carte vengono usate senza l’utilizzo del pin, il che permette a chi è esperto di avvicinare l’apparecchio alla borsa o al portafogli e rubare senza che il malcapitato di turno se ne accorga.

Per queste truffe basta un apparecchio che costa poco più di 35 euro, ed è acquistabile online. Queste macchine funzionano anche se messe dentro a una busta di plastica, quindi invisibili agli occhi degli altri. Ad oggi, la maggior parte dei bancomat e delle carte di credito è contactless, un tipo di tecnologia che permette di pagare fino a 30 euro senza dover inserire il proprio PIN.

“Molte persone potrebbero non fare caso ai 30 euro mancanti fino a che non leggono l’estratto conto alla fine del mese. Fino ad allora, potrebbero pensare di aver dimenticato cosa hanno comprato e per una cifra simile solitamente non sporgono denuncia. Nel mentre, però, i truffatori si sono intascati migliaia di euro semplicemente camminando per le strade, nelle stazioni, prendendo di mira centinaia di vittime”, ha spiegato Morgan Rothwell, direttore antifrode della compagnia Defender Note.

Solitamente il POS, l’apparecchio usato per le carte, non va collegato ad un filo se non quando è in carica, quindi è facilmente asportabile. Il Daily Mail ha condotto uno studio per capire quanto siano davvero affidabili queste carte e ha scoperto che il dispositivo, per funzionare bene, deve essere a una distanza di circa 15 cm dalla carta. Non c’è bisogno quindi di appoggiare la carta all’apparecchio. E anche se nel portafogli o nella borsa, sono sufficienti comunque circa 10 cm affinché la carta sia riconosciuta.

Questo tipo di truffe non è ancora molto diffuso e le banche tendono a rimborsare con facilità chi ha subìto un furto con questo metodo, ma la facilità con il quale un ladro riuscirebbe a rubare dei soldi, semplicemente passando accanto alle persone, fa pensare che è meglio tenere le carte di credito e bancomat il più nascoste possibile.


PER SAPERNE DI PIU'