Blitz quotidiano
powered by aruba

Charlie Hebdo, macabre vignette sul terremoto: “Italiani sugo di pomodoro e lasagne, case costruite dalla mafia”

PARIGI – La pezza è peggio del buco, verrebbe da dire a proposito della vignetta che Charlie Hebdo ha pubblicato su Facebook, ore dopo quella dedicata al sisma italiano che tanta indignazione ha creato in rete. Il tema è sempre lo stesso: il terremoto del 24 agosto. La prima vignetta raffigurava un uomo e una donna feriti e insanguinati  e al loro fianco un mucchio di cadaveri sotto le macerie. La didascalia recita: “Terremoto all’italiana, penne al pomodoro, penne gratinate, lasagne”, quest’ultima “elegante” allusione ai cadaveri impilati.

E’ lo humour nero di Charlie Hebdo, che di vignette del genere ne sforna ogni settimana senza farsi problemi dei bersagli, siano ebrei, musulmani, neri o…morti per un terremoto. Ma lo sberleffo gratuito, sui quasi 300 morti del sisma ha fatto indignare tanti italiani. Infatti la pagina Facebook del periodico francese è stata sommersa di commenti negativi e insulti, perlopiù scritti in italiano.

E’ stato lì che la redazione ha sfornato un’ulteriore vignetta. Si vede una donna che emerge, malconcia, dalle macerie che dice: “Italiani, non è Charlie Hebdo che ha costruito le vostre case ma la mafia”. Come dire: non vi avvelenate con noi, che facciamo satira a qualche centinaio di chilometri da voi, ma con chi ha responsabilità per tutti quei morti. La mafia o comunque quel sistema politico che ha colpevolmente evitato di mettere in sicurezza zone intere del nostro Paese. Appunto corretto, ci mancherebbe. Resta l’amaro per una vignetta che di satira, ossia di quella forma di ironia che dovrebbe far riflettere anche lasciando l’amaro in bocca, ha ben poco.

Immagine 1 di 2
  • Charlie Hebdo, nuova vignetta: "Italiani, le case ve le ha costruite la mafia"2
Immagine 1 di 2