Blitz quotidiano
powered by aruba

Problema di matematica “omofobo”: scuola chiede scusa FOTO

LONDRA – Problema di matematica “omofobo”: la scuola chiede scusa. E’ accaduto nel Regno Unito, alla Royal Grammar School di High Wycombe, nel Buckinghamshire, a nord-ovest di Londra.

“Se in un paese il 70 per cento degli uomini sono sposati con il 90 per cento delle donne (e ogni matrimonio è tra uomo e donna, come Dio stabilì quando creò gli esseri umani maschi e femmine) quale percentuale di adulti non è sposata?”: questo il problema sottoposto ai bambini.

A stilarlo, come ha poi spiegato il preside della scuola, Philip Wayne, era stato un ex insegnante in pensione che continuava a dare una mano alle attività didattiche.

Ma quella frase sulla “decisione divina” non è passata inosservata. Il padre di uno studente l’ha scoperta nei compiti del figlio e ha pubblicato sul web il testo, oltre ovviamente a segnalare la cosa alla scuola, definendo quelle parole “omofobe, un duro colpo per la comunità LGTB”.

L’incriminato compito di matematica è diventato in breve tempo virale ed è finito anche all’attenzione della comunità gay. Il preside Wayne si è scusato: “Mi dispiace, mi scuso a nome della scuola per l’offesa causata da questo testo. Ha poi spiegato che era stato scritto da un insegnante che non era più di ruolo nella scuola da tempo, e che dopo questo incidente non collaborerà più in alcun modo con l’istituto.

 

Immagine 1 di 1
  • Problema di matematica "omofobo": scuola chiede scusa FOTOProblema di matematica "omofobo": scuola chiede scusa FOTO
Immagine 1 di 1

 


PER SAPERNE DI PIU'