Blitz quotidiano
powered by aruba

Caserta, dimesso, muore nel parcheggio del pronto soccorso

L'uomo, Giuseppe Bovenzi, pensionato di 68 anni, in passato era già stato sottoposto ad un intervento di bypass coronarico

CASERTA – Caserta, dimesso dal pronto soccorso, muore nel parcheggio dell’ospedale. La vittima, secondo quanto scrive il quotidiano online CasertaCe.net, uno dei primi a dare la notizia, è un pensionato di 68 anni di Pignataro Maggiore (Caserta), Giuseppe Bovenzi.

Giovedì 21 gennaio era andato al pronto soccorso del Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta per un malore, ma era stato dimesso poco dopo, con la diagnosi, scrive CasertaCe, di una “influenza”.

Una volta uscito dall’ospedale e arrivato nel parcheggio della struttura per prendere l’auto l’uomo si è sentito male, si è accasciato al suolo ed è morto.

La Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere ha posto sotto sequestro la salma per accertare eventuali responsabilità mediche, ha disposto l’autopsia e ha fatto sequestrare la cartella clinica dell’uomo, che già in passato aveva subito un intervento di bypass coronarico, legato probabilmente ad un infarto, sottolinea Caserta Ce, che scrive:

 

“Naturalmente l’autorità giudiziaria dovrà ascoltare le persone presenti nel pronto soccorso, personale, ma anche altri pazienti nei minuti in cui Bovenzi è arrivato.

Si cercherà anche di stabilire se l’uomo abbia detto o no al medico di servizio e agli infermieri di essere stato colpito in passato da un malore che lo aveva costretto a subire un’operazione di bypass.

L’unica cosa certa è il dolore della famiglia per quel corpo stramazzato a terra davanti all’auto del parcheggio che da su via La Pira, dopo essere stato dimesso per errore dal pronto soccorso.


PER SAPERNE DI PIU'