Blitz quotidiano
powered by aruba

Niente soldi per lavori antisismici nelle scuole, sindaco le chiude

GENOVA – Savignone, il sindaco del comune in provincia di Genova, Antonio Bigotti, non aprirà tre scuole la prossima settima, per paura di quanto successo ad Amatrice, devastata dal terremoto.

“Mancano i fondi per alcuni interventi strutturali antisismici – ha spiegato ai microfoni del Tg3 Liguria – per un totale di circa un milione di euro. Fondi che lo Stato non ci ha dato. E io non apro le scuole”. La decisione ha sollevato polemiche da parte di numerosi residenti del piccolo Comune nell’entroterra di Genova.

E davanti alla possibilità di una denuncia per interruzione di pubblico servizio il sindaco risponde “Mi difenderò girando la denuncia allo Stato”. La decisione del sindaco riguarda due scuole elementari e una materna, per un totale di 200 alunni. Bigotti era già balzato agli onori delle cronache lo scorso maggio quando si mise a chiedere l’elemosina davanti la cattedrale di Genova come forma di protesta contro i tagli del Governo agli enti locali.