Blitz quotidiano
powered by aruba

Numana, artigiano tenta suicidio col gas: salvato da agenti

ANCONA – Un artigiano di 38 anni con problemi economici ha tentato di togliersi la vita con il gas di scarico nel suo furgone a Numana, in provincia di Ancona. L’auto è stata notata da un passante che ha dato l’allarme e i carabinieri arrivati sul posto hanno salvato l’uomo praticandogli la respirazione bocca a bocca. L’artigiano è stato poi soccorso da un’ambulanza del 118 e trasportato all’ospedale di Ancona.

 

Il Corriere Adriatico scrive che l’uomo, che aveva problemi economici legati alla crisi, ha parcheggiato il suo furgone in una stradina di campagna al confine con Numana nella zona industriale e ha collegato il tubo di scappamento all’abitacolo, lasciando che il gas lo invadesse. Un passante ha notato il furgone e ha dato l’allarme:

“A salvarlo in extremis è stato un carabiniere che lo ha rianimato sul posto, dopo che alla centrale operativa della Compagnia di Osimo è arrivata la segnalazione di un passante, in attesa che arrivassero gli immediati soccorsi del 118. L’uomo, un artigiano osimano di 38 anni, padre di famiglia, giaceva semi incosciente nel furgone intestato alla propria ditta con accanto un biglietto vergato a penna, l’ultimo pensiero rivolto ai suoi cari: “Scusatemi tutti”. A portare alla disperazione l’artigiano, un bravo ragazzo dedito al lavoro e alla famiglia, sarebbero state le difficoltà economiche che non molto tempo fa lo avrebbero costretto a chiudere l’attività”.


PER SAPERNE DI PIU'