Blitz quotidiano
powered by aruba

Isis, attacco suicida vicino ospedale Baghdad: almeno 9 morti

ROMA – Almeno nove persone sono state uccise nella tarda serata di lunedì nei pressi di un ospedale in un quartiere centrale di Baghdad, in un attentato rivendicato dall’Isis. Lo riportano i media internazionali, citando polizia e fonti ospedaliere locali: un attentatore suicida ha colpito un raduno di musulmani sciiti nel quartiere di Karrada; almeno 20 i feriti, alcuni in gravi condizioni.

intanto emergono nuovi particolare sui piani terroristici del 13 novembre che non si fermavano al Bataclan, ai bistrot, allo Stade de France. L’Isis voleva colpire ancora più forte, a Parigi e in tutt’Europa, in particolare in Olanda e Gran Bretagna. Sono le carte in mano alla Cnn a dirlo, 90.000 documenti che la tv statunitense ha ottenuto da investigatori europei e che ha passato al vaglio. Ne emergono diversi personaggi quasi del tutto inediti: innanzitutto i due che – dopo aver fatto il viaggio dalla Turchia insieme a profughi siriani – sono stati arrestati dalla marina greca. Che li ha trattenuti in carcere un mese, sequestrando loro i passaporti falsi e il denaro. Ma soprattutto ritardando fino a inizio novembre il loro viaggio verso la Francia. Dove, infatti, non riuscirono ad arrivare in tempo per unirsi agli altri tre commando del 13 novembre.

I due sono l’algerino Adel Haddadi e il pakistano Muhammad Usman. Secondo gli inquirenti – dei quali la Cnn ha studiato le carte – i due facevano parte dello stesso “team” di Ahmad al Mohammad e Mmohamad al-Mahmod, i due jihadisti arrivati anche loro con passaporti falsi (da profughi siriani) e che si sono fatti esplodere fuori dallo Stade de France. Haddadi e Usman, invece, arrestati poi nell’ambito dell’inchiesta, non sono arrivati in tempo. Dovevano essere raggiunti, nel campo profughi di Salisburgo, in Austria, da un terzo uomo Abid Tabaouni. Che è stato arrestato a Bruxelles soltanto in luglio, e poi consegnato all’Austria. I tre facevano parte di un quarto commando che avrebbe dovuto operare a Parigi per rendere ancora più cruento il 13 novembre. Le carte della Cnn dicono che nel mirino dell’Isis c’erano anche un centro commerciale e un supermercato parigino. Haddadi e Usman furono fermati il 10 dicembre in Austria, nello stesso centro in cui doveva raggiungerli Tabaouni. La polizia scoprì il cellulare di quest’ultimo lasciato in carica vicino al letto di Haddadi. Nella memoria, c’era una foto di combattenti islamici accanto a una bandiera dell’Isis. Fra i contatti, il numero di Haddadi e un altro legato al commando guidato da Abdelhamid Abaaoud, “mente” operativa a Parigi, ucciso dal blitz della polizia il 18 novembre a Saint-Denis.


TAG: ,