Blitz quotidiano
powered by aruba

VIDEO YOUTUBE Pietro, il gatto salvato dopo 16 giorni sotto le macerie del terremoto

RIETI – Un miagolio debole di un gatto ha richiamato l’attenzione dei vigili del fuoco, che stavano scavando tra le macerie della casa crollata nel terremoto di Amatrice del 24 agosto. I vigili del fuoco cercavano gli effetti personali dei proprietari di casa e dopo 16 giorni non si aspettavano certo di ritrovare in vita Pietro, il gatto della famiglia, che è rimasto sepolto per tutto il tempo sotto le macerie. Il povero gatto è stato così salvato, anche se è in condizioni di salute gravi, ed è sopravvissuto nonostante l’assenza di cibo e la pochissima aria e acqua che è riuscito a trovare.

Una storia a lieto fine per questo micio e per i suoi padroni, che dopo 16 giorni non speravano certo di ritrovarlo ancora in vita. Proprio loro si trovavano alla casa insieme ai vigili del fuoco nella speranza di recuperare qualche cimelio di famiglia o effetto personale, invece sono riusciti ad assistere al salvataggio di Pietro, ilo loro amato gatto, e riabbracciarlo anche se malconcio. Il micio infatti non si è dato per vinto e ha continuato ad emettere quel flebile miagolio, che ha attirato l’attenzione dei vigili presenti sul luogo, e che scavando sono riusciti a trarlo in salvo.

(Fonte YouTube)

Immagine 1 di 3
  • gatto pietro 1
Immagine 1 di 3

Initialize ads


PER SAPERNE DI PIU'