Blitz quotidiano
powered by aruba

Maurizia Paradiso a processo: prese soldi cassa Sex Festival

Maurizia Paradiso a processo: prese soldi cassa Sex Festival

Maurizia Paradiso a processo: prese soldi cassa Sex Festival

MILANO – Un credito “preteso” che non le era stato riconosciuto, a suo dire. E poi la fuga con parte dell’incasso del Sex Festival di Milano, dopo aver immobilizzato il cassiere per prelevare con la forza i contanti. E’ iniziato il processo alla nota sex performer Maurizia Paradiso che per questo episodio era stata denunciata alla polizia nel 2013. Il processo si tiene davanti alla quarta sezione del Tribunale di Milano con l’accusa di lesioni personali ed esercizio arbitrario delle proprie ragioni. La scena dal vago sapore western si è svolta tre anni fa al Sex Festival di Milano (nato dalle ceneri del ‘Mi Sex’) agli East End Studios di via Mecenate, periferia est del capoluogo lombardo.

Secondo la ricostruzione del pm Angelo Renna, che ha firmato il decreto di citazione diretta a giudizio, Paradiso “pur potendo ricorrere al giudice, si faceva giustizia da sé” per farsi pagare quanto credeva le dovessero riconoscere. La giustizia ‘fai da te’ sarebbe consistita nell’assalto alla cassa della manifestazione, dalla quale la showgirl avrebbe prelevato 6.500 euro, con l’aiuto di una persona che non è stata mai individuata, dopo aver immobilizzato il cassiere “afferrandolo per le spalle” per impedirgli di proteggere la cassetta con il denaro. In soccorso del cassiere era arrivata una sua collaboratrice, che avrebbe avuto la peggio in una colluttazione con Maurizia Paradiso. Da qui la denuncia a carico della nota transgender anche per lesioni personali, giudicate come guaribili in dieci giorni. Il processo è stato aggiornato all’ 8 luglio.