photogallery

Regno Unito, boom di violenze sessuali tra i minori: colpa di internet

Regno Unito, boom di violenze sessuali tra i minori: colpa di internet

LONDRA – Nel Regno Unito, in soli quattro anni, le detenzioni per violenze reiterate da  chi ha meno di 17 anni sono raddoppiate, anche a causa dell’enorme quantità di materiale scaricabile da internet con l’aiuto di pc, tablets o telefoni cellulari.  Secondo i magistrati del Sunderland la causa principali delle aggressioni sarebbe da attribuire al porno online, ormai continuamente e facilmente reperibile. Nel 2015, secondo una statistica pubblicata dal Ministero della Giustizia, 120 minori sono stati giudicati colpevoli di violenze.

Lo scorso novembre, un ragazzino è stato arrestato per aver ripetutamente violentato la sorella più piccola, dopo aver visto “delle immagini molto forti su internet”; il 12enne si è dichiarato colpevole di sei accuse e, in seguito, grazie alla cronologia internet del suo computer, gli inquirenti hanno scoperto che cercava termini come “incesto”.
Secondo una recente statistica, almeno il 94% dei ragazzini, minori di 16 anni, hanno cercato almeno una volta immagini o video spinti sul web.
To Top