Blitz quotidiano
powered by aruba

Usa, agenti accusati: “Violenza sessuale su detenute”

Due agenti della polizia di Los Angeles sono accusati di aver violentato quattro donne che erano in loro custodia e ora rischiano una condanna all'ergastolo

Usa, agenti accusati: "Violenza sessuale su detenute"

Usa, agenti accusati: “Violenza sessuale su detenute”

LOS ANGELES – Avrebbero ripetutamente violentato quattro donne tra i 19 e i 35 anni mentre erano sotto la loro custodia. Questa l’accusa di violenza sessuale che due poliziotti del dipartimento di Los Angeles si trovano ad affrontare in tribunale e per cui rischiano la condanna all’ergastolo. I due poliziotti avrebbero agito tra il 2008 e il 2011 contro le donne arrestate per droga e in un caso uno di loro avrebbe usato la pistola di servizio contro una delle vittime per convincerla a fare sesso con lui.

Il sito del Los Angeles Times scrive che  i nomi dei due agenti sono James Christopher Nichols e Luis Gustavo Valenzuela e per loro le accuse sono di aver ripetutamente assalito le quattro donne mentre erano in servizio, chiedendo sesso orale sotto la minaccia di ripercussioni e abusando del loro ruolo.

Mercoledì 16 febbraio i procuratori di Los Angeles che seguono il caso hanno portato a processo i due agenti che sono accusati di stupro, con l’aggravante di aver abusato della propria autorità, e di aver costretto le vittime a fare del sesso orale. Gli episodi contestati ai due agenti sono diversi e riguardano 4 donne di 19, 24, 25 e 35 anni che sono state arrestate tra dicembre 2008 e marzo 2011.

Le donne erano state arrestate per reati legati alla droga e proprio mentre erano in custodia sono rimaste vittime dei due agenti. Tra le accuse contestate a Valenzuela c’è anche quella di aver obbligato una donna a cedere alle sue avances minacciandola con la pistola di servizio. Ora il rischio per i due agenti è di essere condannati all’ergastolo.