Blitz quotidiano
powered by aruba

Renzi: “Immigrazione rischia di esplodere perché Ue incapace”

FIRENZE – “Non possiamo lasciare che un problema come l‘immigrazione esploda per l’incapacità dell’Europa”: all’indomani del vertice di Bratislava, definito come “un buco nell’acqua”, il premier Matteo Renzi torna ad attaccare Germania e Francia sulla questione rifugiati. “Sull’immigrazione, il punto non è che noi vogliamo accogliere e loro no. Se è giusto salvare tutti in mare, non è giusto accogliere tutti solo in Sicilia e Puglia. Noi siamo italiani, quindi generosi, però non possiamo lasciare che un problema come l‘immigrazione esploda per l’incapacità dell’Europa”, ha detto il presidente del Consiglio intervenendo al Wired Next Fest a Firenze a proposito del vertice europeo di ieri in Slovacchia.

Poi il nuovo affondo sul tema economico: “Dobbiamo riconoscere che la ricetta dell’austerità dell’Europa era sbagliata, e quella della crescita degli Stati Uniti di Obama era ed è giusta: lo dicono i numeri, la realtà. Va bene l’attenzione alle regole, e noi le rispettiamo, ma possiamo dire che queste non funzionano e lavorare per cambiarle. Noi non possiamo fare la foglia di fico ai problemi degli altri: io non sono fico e non sono foglia; noi non vogliamo far finta di nulla. L’Italia vuole più Europa, ma vuole Europa diversa e su questo si fa sentire. Prima si andava malissimo ora benino, ma non consola. La crescita non è granché. Che si faccia più uno, 0,8 o 0,7, è meglio di prima… noi dobbiamo tendere al 2% ma siamo lontani. L’economia digitale può servire. Serve la banda larga perché la nostra società si misurerà in giga”.

“Dopo la Brexit, ha sintetizzato ancora Renzi, si è fatto un percorso per arrivare al vertice di Bratislava, dove si è deciso che poi faremo un altro vertice a Roma nel marzo 2017, e alla fine ieri si è detto più o meno le stesse cose. Rispetto all’incontro di Ventotene non si sono fatti passi in avanti, ad esempio su due temi, come l‘immigrazione e la crescita”.