Blitz quotidiano
powered by aruba

Calciomercato Milan, Luiz Adriano in Cina per 12 milioni

MILANO – Calciomercato, il Milan dovrebbe ufficializzare la cessione di Luiz Adriano in Cina nelle prossime ore. La notizia è stata data in esclusiva da Sport Mediaset, da sempre vicino alle sorti del Milan. I rossoneri dovrebbero incassare 12 milioni da questa cessione. Ancora non è noto il nome del club cinese che starebbe per acquistare Luiz Adriano.

Ripercorriamo la sua carriera da Wikipedia.

Il momento più importante della carriera di Luiz Adriano, pur essendo un giovane di buone qualità, arrivò nel dicembre del 2006 quando vinse con la maglia dell’Internacional la Coppa del Mondo per Club battendo in finale il più quotato Barcellona. Vestì un ruolo fondamentale soprattutto nella semifinale del torneo quando segnò al 72′ la rete che decretò la qualificazione diretta alla finale ai danni del Al-Ahly (la partita terminò con il risultato di 2-1).

Il 2 marzo 2007 la squadra ucraina dello Shakhtar Donetsk riesce ad acquistarne l’intero cartellino per una cifra pari a circa 3 milioni di euro. Con la sua nuova squadra ha subito vinto il titolo nazionale, mentre l’anno successivo ha conquistato la Coppa UEFA; proprio in quest’ultima competizione si è reso protagonista nella finale segnando il gol del momentaneo vantaggio contro i tedeschi del Werder Brema.

Il 20 novembre 2012 segna un gol controverso, in occasione della partita contro il Football Club Nordsjælland in trasferta: il pallone che Willian cerca di restituire alla squadra di casa, viene intercettato dal brasiliano che segna il gol del momentaneo 1-1. Questo porta l’UEFA ad aprire il giorno seguente un provvedimento disciplinare nei suoi confronti. Il 27 novembre sul sito dell’UEFA viene comunicata una sanzione nei confronti del calciatore brasiliano con un turno di squalifica per violazione dei principi di condotta sportiva: la sanzione viene scontata in occasione della partita tra Shakhtar Donetsk e Juventus.

Il 21 ottobre 2014 realizza cinque gol (due su rigore) contro il BATE a Borisov (0-7), sfida valida per la fase a gironi della Champions League, eguagliando ilrecord di reti segnate in una partita di Champions League diventando così il 13º giocatore a riuscirci.

Inoltre è riuscito a realizzare la tripletta più veloce nella competizione (in soli 7′) e a diventare il miglior marcatore di sempre nella storia dello Shakhtar Donetsk con 117 gol, superando Andriy Vorobey fermo a quota 114.

Termina la sua esperienza allo Shakhtar con 128 gol segnati in 266 partite.

Il 2 luglio 2015, dopo 8 anni in Ucraina, passa a titolo definitivo al Milan per 8 milioni di euro;  il calciatore brasiliano firma un contratto quinquennale fino al 30 giugno 2020 e sceglie di indossare la maglia numero 9.  Realizza il suo esordio e la sua prima marcatura ufficiale con la squadra rossonera il 17 agosto seguente, siglando la rete del definitivo 2-0 contro il Perugia a San Siro nella gara valevole per il terzo turno preliminare di Coppa Italia.  Sei giorni dopo debutta anche in campionato nella sconfitta esterna per 2-0 contro la Fiorentina, mentre il 29 agosto, alla seconda giornata, arriva il suo primo gol nella massima serie italiana, nella vittoria per 2-1 in casa contro l’Empoli.