Austria, bracconiere spara a 4 persone e si barrica in un maso: ucciso ostaggio

di redazione Blitz
Pubblicato il 17 settembre 2013 13:13 | Ultimo aggiornamento: 17 settembre 2013 20:32

annabergVIENNA – In Austria un bracconiere, Alois H., ha sparato ad una pattuglia di polizia e un’ambulanza, uccidendo 3 persone, e si è poi barricato in un maso, dopo aver preso come ostaggio un agente di polizia. Il poliziotto è stato in seguito trovato morto nell’auto della polizia usata per la fuga e parcheggiata nel cortile della fattoria.

Il fatto è avvenuto lunedì notte nella località Annaberg, in Alta Austria, 115 chilometri da Vienna. Unità speciali della polizia hanno circondato la casa, dove l’uomo è rimasto barricato per tutto il giorno.  In serata la polizia austriaca ha fatto irruzione nella fattoria. Alcune decine di uomini delle unità speciali della polizia hanno perlustrato ogni singolo vano dei numerosi edifici del podere. Alle 17.30 si è udito  un singolo colpo di arma da fuoco, poi più nulla.

Il bracconiere era conosciuto nella zona per aver già in passato causato problemi alla polizia locale e agli altri cacciatori. Sembra che l’uomo, cui era stata tolta la licenza di caccia già da alcuni anni, lasciasse animali morti per le strade.

La scorsa notte una pattuglia della polizia aveva provato a fermare il cacciatore in auto nei pressi di Annaberg. Ma l’uomo non si è fermato allo stop e nella fuga è finito in un fosso. A quel punto è sceso dalla macchina e ha iniziato a sparare contro la pattuglia della polizia e contro l’ambulanza sopraggiunta per soccorrerlo. Un poliziotto e un paramedico sono morti sul colpo.

Il bracconiere ha proseguito la sua fuga fino a un nuovo posto di blocco. Lì ha aperto ancora una volta il fuoco, uccidendo il secondo poliziotto e prendendone un altro in ostaggio. Infine ha rubato l’auto della polizia e ha raggiunto la sua fattoria, prima di barricarsi però ha ucciso anche l’agente che aveva in ostaggio: il cadavere è stato ritrovato nell’auto della polizia abbandonata nel cortile del maso.

Lungo la fuga verso la sua fattoria a Melk, Alois H. ha chiamato al telefono un amico. “Mi ha detto di essere il bracconiere di Annaberg”, racconta l’amico al quotidiano Kronen Zeitung. L’uomo avrebbe anche detto di essere stato ferito all’addome dalla polizia. “Ma questo ormai non importa più nulla, tanto non mi prenderanno”, avrebbe aggiunto, confessando di aver già ucciso il suo cane ‘Burgi’, un pastore tedesco.

[jwplayer player=”1″ mediaid=”1667899″]