Terremoto L’Aquila, le celebrazioni in ricordo delle vittime del sisma del 2009 VIDEO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 Aprile 2020 23:03 | Ultimo aggiornamento: 6 Aprile 2020 23:04
Terremoto L'Aquila, Vista

Terremoto L’Aquila, le celebrazioni in ricordo delle vittime del sisma del 2009 VIDEO

ROMA – “Il silenzio, questa notte, ha il volto di chi abbiamo perduto, ha il respiro di una umanità che lotta contro una minaccia letale, ma quasi irreale nella sua non fisicità, perché materia dei laboratori di ricerca, perché patologia da ospedali. Allora, come oggi, piangiamo la morte avvenuta in solitudine, senza la consolazione dei propri cari”.

Così il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, intervenendo intorno alla mezzanotte nella breve ma intensa commemorazione delle 309 vittime del sisma ad 11 anni dalla tragedia che si è verificata alle 3 e 32 del 6 aprile 2009. Una ricorrenza che si sta svolgendo in una piazza Duomo, dove un vigile del fuoco ha acceso un braciere, e nella chiesa di Santa Maria del Suffragio deserte per le restrizioni dettate dalla emergenza coronavirus che hanno impedito i tradizionali corteo e fiaccolata.

Alla commemorazione oltre al sindaco hanno partecipato il prefetto, Cinzia Torraco, e il sindaco di Barisciano (L’Aquila), Francesco Di Paolo, in rappresentanza dei comuni del cratere del sisma, su decisione dei comitati dei familiari delle vittime.

“Sono trascorsi undici anni dalla notte più lunga e dolorosa della nostra vita e oggi la ricordiamo nel silenzio assordante di Piazza Duomo, un silenzio che amplifica e aggiunge al dolore per i nostri cari, vittime del terremoto del 6 aprile 2009, il dolore per i caduti a causa del coronavirus”, ha detto ancora il sindaco.

“Il ricordo della nostra tragedia è rafforzato da un sentimento unico e solidale che accomuna l’intero Paese, perché qui, in questa piazza deserta si compie il riconoscimento istituzionale e collettivo del lutto dell’Italia e non solo. Le nostre ferite, non sono solo la conseguenza di un evento drammatico”.

“Il dolore – conclude – è stato ed è la spinta per un processo di rigenerazione che stiamo portando avanti con convinzione e determinazione. Il ricordo del 6 aprile 2009 viene interrogato, raccontato, portato alla luce ogni anno perché senza non potremmo dare valore e visione al futuro dei nostri figli. Il Rinascimento dell’Aquila è l’esito del ricordo che diventa nutrimento per il futuro”. (Fonti: Ansa, Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev).