Alpino evirato da una brasiliana nel 2015: “Oggi non riesco più ad avere rapporti. Anche per colpa dei medici”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 aprile 2018 10:23 | Ultimo aggiornamento: 16 aprile 2018 10:23
Carolina De Brito Peres

Carolina De Brito Peres

UDINE – “Non posso più avere rapporti sessuali. Anche per colpa dei medici”. Queste le parole di C.D., caporal maggiore degli alpini originario di Galatina (Lecce), che il primo febbraio del 2015 fu evirato da un’amica brasiliana, Carolina De Brito Peres. 

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

Ancora oggi, passati tre anni, l’alpino trentaseienne, ha diversi problemi a letto e non solo. “Non è vero che l’operazione è riuscita – dice l’alpino – come avevano sbandierato i medici. Io ho sempre dolori e non posso avere rapporti sessuali. Hanno dichiarato il falso nel loro verbale. Quello che hanno scritto nella cartella clinica non combacia con quanto emerge dalla risonanza magnetica e quanto riscontrato dagli urologi che mi hanno visitato successivamente”.

Un dramma che va avanti da quella maledetta domenica di febbraio. Intorno alle 16, la sua amica Carolina De Brito Peres, 31 anni, era con lui nella camera da letto. Durante un gioco erotico, come scriveva il Messaggero Veneto in quei giorni, la brasiliana, conosciuta in una discoteca, lo spogliò, gli coprì la vista con un lenzuolo, afferrò il pene e un coltello da cucina e lo evirò. Un colpo netto, che non lasciò scampo al militare. Lui quando sentì “una fitta al basso ventre”, scattò in piedi e cercò di fuggire. Rotta la porta a vetri chiusa a chiave, l’alpino si gettò in auto per raggiungere il pronto soccorso.