Andrea Loris Stival, Veronica Panarello e quei profili segreti su Facebook e WhatsApp

di Redazione Blitz
Pubblicato il 2 Febbraio 2015 13:38 | Ultimo aggiornamento: 2 Febbraio 2015 13:38
Veronica Panarello

Veronica Panarello

RAGUSA – Repubblica parla di “possibili ulteriori sorprese” che potrebbero arrivare dall’analisi e dagli esami informatici sugli account Facebook e WhatsApp di Veronica Panarello, la donna accusata per l’omicidio del figlio Loris. Prima grande domanda: perché Veronica Panarello il giorno prima dell’omicidio del figlio, il 28 novembre, ha disattivato il suo profilo Facebook? E perché lo ha riattivato il primo dicembre? “L’avevo disattivato perché avevo ricevuto delle strane e insistenti richieste” ha riposto Veronica Panarello agli investigatori. E allora: da chi aveva ricevuto strane e insistenti richieste? E cosa intende Veronica Panarello quando parla di strane richieste?

Seconda grande domanda: perché oltre al profilo ufficiale (Vero Nica, di cui il marito conosceva la password) Veronica Panarello aveva altri account, definiti “coperti”, su Facebook e WhatsApp? E con chi parlava? Qualche risposta potrà presto arrivare dai tecnici di Facebook che nei prossimi giorni potrebbero mettere a disposizione alcuni tabulati.