Inchiesta ‘Cinque terre’: revocati gli arresti domiciliari a Franco Bonanini

Pubblicato il 29 Dicembre 2010 20:23 | Ultimo aggiornamento: 29 Dicembre 2010 20:30

Il tribunale della Spezia ha concesso la revoca degli arresti domiciliari per motivi di salute a Franco Bonanini, ex presidente del parco nazionale delle Cinque Terre, arrestato il 28 settembre scorso nell’ambito delle indagini sul malaffare all’Ente parco. Il giudice ha accolto l’istanza di revoca del provvedimento restrittivo avanzata dal difensore di Bonanini, Carlo Di Bugno. Il legale aveva fatto presente al giudice che il suo assistito dovrà affrontare un nuovo intervento chirurgico al fegato.

Bonanini era stato trapiantato un anno fa: è anche diventato testimonial dell’Aido, e ha voluto aprire un punto informativo sulle donazioni di organi proprio lungo la passeggiata a picco sul mare denominata ‘via dell’Amore’, alle 5 Terre. Ora, secondo qaunto riferito dal suo avvocato, un nuovo intervento si e’ reso necessario, e attraverso il proprio difensore ha chiesto e ottenuto di poter essere ricoverato senza dover sottostare alle limitazioni cui e’ stato soggetto fino ad oggi. Bonanini si trovava ai domiciliari proprio a causa delle sue condizioni precarie. Dall’ospedale del Felettino, dove si trovava in stato di arresto, gli erano stati concessi i domiciliari in una abitazione nei pressi dell’ospedale.