Sanità, medici di base e pediatri pronti allo sciopero: “No a richieste Regioni”

Pubblicato il 3 settembre 2012 18:04 | Ultimo aggiornamento: 3 settembre 2012 19:57

(Foto Lapresse)

ROMA – Medici di base e pediatri sono pronti allo sciopero per protestare contro modifiche richieste dalle Regioni al decretone sanità. I tre sindacati maggioritari dei medici convenzionati FIMMG (medici famiglia), SUMAI (ambulatoriali) e FIMP (pediatri) dichiarano lo stato di agitazione e sono pronti a proclamare lo sciopero.

I sindacati chiedono al ministro Balduzzi, al governo e ai parlamentari “di impedire un simile scempio nell’interesse di tutti i cittadini italiani”. Per questo sono “uniti e determinati nel contrastare lo stravolgimento da parte delle Regioni del decreto Balduzzi”.

“I conflitti di competenza e di potere prevalgono sui contenuti – si legge in una nota – messi insieme in modo raffazzonato, elenco dei desideri particolari di ogni regione, senza tenere alcun conto degli effetti devastanti che potrebbero determinare”.