Detenuto evaso da Poggioreale, il cappellano: “Embé? E’ scappato da condizioni disumane”

di redazione Blitz
Pubblicato il 26 Agosto 2019 13:33 | Ultimo aggiornamento: 26 Agosto 2019 13:35
Detenuto evaso da Poggioreale, il cappellano: "Embé? E' scappato da condizioni disumane"

La corda usata dal polacco per evadere dal carcere di Poggioreale (Foto Ansa)

NAPOLI – – “E’ scappato un detenuto da Poggioreale, embé?”. Così don Franco Esposito, cappellano del carcere di partenopeo, commenta su Facebook la notizia del detenuto polacco evaso domenica. Si chiama Robert Lisowski, 32 anni, recluso con l’accusa di omicidio: si è calato con una corda fatta di lenzuola per scavalcare il muro di cinta della casa circondariale mentre stava andando a messa nella chiesetta dell’istituto penitenziario, insieme ad un centinaio di carcerati tenuti sotto controllo solo da pochi agenti.

“Perché stupirsi davanti a una evasione dal carcere? – osserva don Franco – E’ la cosa più naturale che possa accadere. Quello che è innaturale è tenere rinchiuse delle persone in una situazione disumana e degradante”.

Il cappellano poi precisa: “Con questo non sto assolutamente giustificando l’evasione di un pericoloso criminale (questo almeno secondo gli organi di informazione) ma vorrei spostare l’attenzione sul fatto che carceri come quello di Poggioreale non hanno certamente i requisiti per essere rieducativi e non servono certo al reinserimento della persona detenuta nel tessuto sociale”.

“Allora mi domando se il carcere non è questo, qual è il suo compito a cosa serve? – scrive – Eppure il compito che la Costituzione dà a questa istituzione è quello di far sì che attraverso la pena il detenuto raggiunga una sua maturità sociale prendendo coscienza del male compiuto e iniziando una vita legale nel rispetto delle regole. Quindi se un carcere non riesce a fare quello che la Costituzione gli affida diventa una struttura anticostituzionale e quindi fuorilegge”.

“Ora tutti si meravigliano che da Poggioreale sia scappato un detenuto. Tutti sono pronti a cercare un colpevole, o meglio a scaricare la colpa su un capro espiatorio – aggiunge – Io mi meraviglio non per uno che scappa, ma per l’80% che dopo aver finito la pena in carcere ritorna a commettere reati e quindi vi rientra”.

“Il carcere ha fallito, il carcere non risponde alla giusta domanda di sicurezza che i cittadini vogliono dalle istituzioni – sottolinea il sacerdote – Fino a quando i nostri politici non prenderanno atto di questa elementare verità fino a quando le pene saranno “pagate” solo col carcere, credo che non ci sia niente da meravigliarsi , nemmeno di una evasione rocambolesca (alla Vidoc) come quella di Poggioreale”.

“Quello che invece mi rammarica e mi indigna profondamente, sono delle dichiarazioni di qualche sindacalista della polizia penitenziaria – precisa – Mi riferisco all’affermazione che scarica la colpa dell’evasione al fatto che pur essendoci pochi agenti della polizia non sono state sospese le attività trattamentali”.

“L’unica cosa che dà una parvenza di legalità a una istituzione deficitaria come quella di Poggioreale – prosegue – doveva essere sospesa per sacrificare anche quel poco di buono che con sacrificio si riesce a realizzare sull’altare della sicurezza”. “Infine vorrei ricordare che la celebrazione della Santa Messa non rientra nelle attività trattamentali che il carcere offre ai detenuti, ma è un diritto inalienabile della persona quello di professare la propria fede anche attraverso celebrazioni liturgiche – conclude il cappellano – Spero che nessuno pensi di risolvere problemi di sicurezza limitando ancora di più quel poco di rispetto dei diritti che ancora sopravvive nelle nostre carceri”.

Intanto proseguono a tappeto le ricerche da parte delle forze dell’ordine. L’evaso era in carcere con l’accusa di avere assassinato, nel 2018, un ucraino nel 2018, al culmine di una lite scoppiata in un locale frequentato da cittadini dell’Est europeo poi proseguita in strada. La Questura di Napoli ha diffuso ieri la foto segnaletica dell’evaso nelle cui ricerche sono impegnate tutte le forze di polizia. Sotto particolare monitoraggio gli scali ferroviari e le stazioni dei bus. (Fonte: Ansa)