Fabio Stefoni, sindaco anti immigrati, tangenti sui rifugiati

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 Giugno 2015 12:13 | Ultimo aggiornamento: 8 Giugno 2015 12:18
Fabio Stefoni, sindaco anti immigrati, tangenti sui rifugiati

Fabio Stefoni, sindaco anti immigrati, tangenti sui rifugiati

ROMA – Fabio Stefoni, sindaco anti immigrati, tangenti sui rifugiati. Dalle carte di Mafia Capitale atto secondo, emerge il doppio registro di un amministratore, un sindaco di un Comune vicino Roma, che in pubblico si atteggiava a paladino anti immigrati contrarissimo ai centri di accoglienza, in privato mercanteggiava il prezzo di una tangente proprio per accoglierli i rifugiati.

Mezzo euro, cinquanta centesimi a rifugiato: questo il prezzo della tangente che si ricava dalle intercettazioni telefoniche. Francesco Grignetti su La Stampa ha raccolto quelle relative a Fabio Stefoni, sindaco di Castelnuovo di Porto, la cui doppiezza scandalizza un po’ perfino il dominus Salvatore Buzzi (con Massimo Carminati a capo della presunta cupola di mafia Capitale) che a Stefoni promette la tangente incriminata.

«Allora io stamattina ho chiamato il sindaco, e gli ho detto “guarda, c’è 950 persone senza onori, perché praticamente… se apriamo noi c’è una serie di garanzie… qui stanno tutti ammucchiati… c’hai soltanto (inc.) e nient’altro”. “Ah, io ora scrivo al Ministero, li caccio via tutti”. Piripin… le solite cazzate che dice Stefoni che magari va giù e se mette co’ na tanica de benzina… e c’ha questi atteggiamenti suoi che praticamente preoccupano la Prefettura».  (Francesco Grignetti, La Stampa).

 

5 x 1000