Attentato Brindisi, il fermato: "Ho fatto io la bomba"

Pubblicato il 7 Giugno 2012 0:31 | Ultimo aggiornamento: 7 Giugno 2012 0:33

LECCE, 6 GIU – "Si', quella bomba l'ho fatta io da solo. L'ho pensata e l'ho costruita". E' quanto avrebbe detto Giovanni Vantaggiato, l'uomo fermato per la strage di Brindisi, ancora sotto interrogatorio nella questura di Lecce. Il sessantottenne alternerebbe momenti di lucididà a periodi di confusione.

Esclusi il movente terroristico e quello della criminalita' organizzata, che avevano determinato l'intervento della Direzione Distrettuale Antimafia di Lecce, l'inchiesta sull'attentato alla scuola Morvillo Falcone e' destinata ad altra sede. E' verosimile che a conclusione dell'udienza di convalida del fermo, il gip emetta ordinanza di custodia cautelare nei confronti del presunto responsabile dell'attentato e contestualmente dichiari l'incompetenza della magistratura di Lecce e la trasmissione del fascicolo giudiziario a Brindisi per il prosieguo dell'attivita' giudiziaria. Se, pero', nel corso dell'inchiesta emergesse un coinvolgimento di magistrati di Brindisi quali parte lese – come lascerebbe prefigurare uno dei possibili moventi ipotizzati – l'inchiesta prenderebbe la strada di Potenza, competente per i procedimenti nei quali sono coinvolti magistrati in servizio nel distretto della Corte d'Appello di Lecce (di cui Brindisi fa parte).