Luigi Preiti, audio dell’interrogatorio: “Volevo uccidere due o tre politici”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 Giugno 2013 10:09 | Ultimo aggiornamento: 13 Giugno 2013 10:14
Luigi Preiti, l'interrogatorio: "Volevo uccidere due o tre politici"

Luigi Preiti, l’interrogatorio: “Volevo uccidere due o tre politici” (Foto Lapresse)

ROMA – “Volevo uccidere due o tre politici”. E’ quello che racconta agli investigatori Luigi Preiti, l’uomo che ha sparato davanti Palazzo Chigi a Roma il giorno dell’insediamento del governo Letta ferendo gravemente il carabiniere Giuseppe Casagrande.

“Sono arrivato ieri, volevo fare qualcosa di eclatante contro i politici, so che c’è il giuramento del governo oggi. Volevo colpire dei politici, due o tre, non lo so…poi uccidermi. Poi ho visto che era difficile colpirli, non c’era nessuno di loro, e ho sparato contro la prima divisa che ho visto, ho sparato alla cieca, non so… non li ho scelti, non ce l’ho con i carabinieri, mi dispiace parecchio per quelle due persone”.

Per spiegare il motivo del suo gesto Preiti racconta la sua vita da disoccupato a 50 anni:

«Sono stato costretto ad andare a vivere con i miei genitori a 50 anni, perchè mi sono separato dalla moglie, perchè non lavoro, ce la faccio a mala pena per le sigarette.. e questi intanto mangiano dalla mattina alla sera e fanno quello che vogliono».

Per ascoltare l’audio clicca qui.