Michele Mangano, della Tarantella garganica, condannato. “Tentò di baciare minorenne”

di redazione Blitz
Pubblicato il 3 gennaio 2018 16:55 | Ultimo aggiornamento: 3 gennaio 2018 16:55
Michele-Mangano-condannato

Michele Mangano, della Tarantella garganica, condannato. “Tentò di baciare minorenne”

FOGGIA – Avrebbe violentato una ballerina minorenne del suo gruppo folk: con quest’accusa è stato condannato Michele Mangano, 54 anni, di Monte Sant’Angelo (Foggia), testimonial della Tarantella garganica nel mondo con il suo gruppo di danza folk.

Per lui la pena da scontare è di tre anni e quattro mesi per violenza sessuale ai danni di una ballerina minorenne del gruppo, violenza che si sarebbe verificata nella primavera del 2016. La sentenza è stata emessa al termine di un processo con rito abbreviato dal giudice per l’udienza preliminare del tribunale di Foggia, Armando Dello Iacovo, che ha accolto la richiesta del pm e dell’avvocato di parte civile.

Mangano, che si è professato innocente annunciando che ricorrerà in appello, dovrà risarcire anche i danni da quantificare in sede civile. La violenza si sarebbe verificata al termine di una esibizione del gruppo. Dopo aver accompagnato a casa alcune ballerine, Mangano sarebbe rimasto insieme alla presunta vittima che gli aveva chiesto di accompagnarla in un locale. Fu in questa circostanza che, secondo l’accusa, l’uomo tentò di baciare la ragazza, palpeggiandola. Per quell’episodio la ballerina aveva sporto poi denuncia.