Moreno D’Amico e Roberto Gagliardoni morti in autostrada

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 Dicembre 2015 11:12 | Ultimo aggiornamento: 3 Dicembre 2015 11:12
Moreno D'Amico e Roberto Gagliardoni morti in autostrada

Moreno D’Amico e Roberto Gagliardoni morti in autostrada (Foto Ansa)

PESCARA – Un’auto ha imboccato l’autostrada Chieti-Pescara contro mano alle 6 di mattina di giovedì 3 dicembre e si è schiantata contro un’altra vettura. L’impatto è stato violento e per i due conducenti, Moreno D’Amico e Roberto Gagliardoni, non c’è stato nulla da fare. L’incidente è avvenuto all’altezza di Dragonara e il traffico sull’autostrada  è stato chiuso, con pesanti ripercussioni sulla circolazione.

Il quotidiano Il Centro scrive che secondo una prima ricostruzione D’Amico, 47 anni e originario di Pianella, ha imboccato l’Asse attrezzato contro mano in direzione di marcia Pescara e ha percorso quasi 5 chilometri seminando il panico, prima di scontrarsi con la vettura guidata da Gagliardoni, 47 anni e originario di Alanno. Nello scontro è rimasta coinvolta una terza vettura, ma gli occupanti non sarebbero feriti gravemente:

“L’incidente ha causato pesanti ripercussioni sul traffico. È avvenuto di prima mattina in un orario in cui tantissimi si mettono in strada per raggiungere Pescara. Ed è avvenuto in un punto cruciale per la strada che collega Chieti e le autostrade col capoluogo adriatico. Diverse le segnalazioni arrivate in redazione di automobilisti bloccati nel traffico.

L’Asse attrezzato è stato chiuso il tratto in direzione nord (Pescara) tra Dragonara e l’area industriale di Sambuceto, in provincia di Chieti. Per il traffico in direzione Pescara è prevista l’uscita allo svincolo per la A14, al km 8,200 e l’ingresso allo svincolo di Sambuceto al km 10,950 con deviazione sulla  ex SS5”.