Poster gigante di Mussolini per le strade di Napoli, ma è di protesta

Pubblicato il 13 Settembre 2011 13:09 | Ultimo aggiornamento: 13 Settembre 2011 13:09

Il poster

NAPOLI – Un manifesto gigante che ritrae il busto di Mussolini, accompagnato dalla scritta “Nessuna luce mio duce”. Da martedì mattina, a Napoli, nella centralissima via Marina, i passanti possono imbattersi in un poster di sei metri per tre, che rimanda alla pagina Facebook “Cripta Mussolini”.

Autori di questa provocatoria iniziativa sono due giovani artisti napoletani, Sebastiano Deva e Walter Picardi, tra i protagonisti dell’evento “Campania Senses”, promosso dal Padiglione Italia alla 54esima Biennale di Venezia, che aprirà i battenti il 28 settembre al Museo di arte contemporanea di Casoria.

Un progetto artistico, il loro, che però è portatore di una richiesta ben precisa: chiedere la chiusura al pubblico della cripta Mussolini, a Predappio. Un luogo di pellegrinaggio per nostalgici del periodo fascista, “in totale spregio alle disposizioni fondamentali della Costituzione Italiana”. Un vero e proprio “cuore nero ancora pulsante nel corpo d’Italia”, che non può essere “ulteriormente tollerato”.