Neve a Roma: strade vuote, treni in ritardo fino a 3 ore. Ed Esercito a spalare

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 febbraio 2018 10:14 | Ultimo aggiornamento: 26 febbraio 2018 12:39
Neve a Roma 26 febbraio: strade vuote, treni in ritardo fino a 3 ore. Ed Esercito a spalare

Neve a Roma: strade vuote, treni in ritardo fino a 3 ore. Ed Esercito a spalare (FOTO BLITZQUOTIDIANO)

ROMA – Strade bianche e vuote, ritardi fino a 3 ore per i treni, una città paralizzata: ecco Roma lunedì 26 febbraio dopo l’abbondante nevicata che si è abbattuta nella notte e nelle prime ore del mattino. Una situazione così straordinaria che la Protezione Civile ha mandato l’esercito per le strade a spalare.

Treni bloccati, ritardi mostruosi.

‘Circolazione ferroviaria al momento fortemente rallentata, a tratti ferma, nel nodo di Roma, a causa delle precipitazioni nevose che stanno bloccando alcuni scambi nelle stazioni del nodo’. A fare il punto della situazione alle ore 7 è un comunicato del gruppo Fs Italiane, in cui si legge che il traffico è fortemente rallentato anche su tutte le linee del Lazio che portano alla Capitale, sulla Siena-Grosseto e sulla Verona-Modena. Il gruppo Fs spiega che ‘sul resto della rete nazionale il traffico non registra particolari criticità ma l’attenzione rimane alta a causa delle temperature particolarmente rigide’. Per questo motivo, l’offerta di servizi ferroviari potrà subire ulteriori modifiche e riduzioni, mentre restano attivi i piani neve e gelo di Rfi e Trenitalia. In particolare, ‘Rfi è impegnata con le proprie squadre tecniche su tutto il territorio nazionale per fronteggiare l’emergenza, presidiando i punti nevralgici della rete e intervenendo anche con l’ausilio delle ditte appaltatrici. Trenitalia ha potenziato i servizi di assistenza ai clienti e sta riprogrammando, laddove necessario, i servizi di trasporto con riduzione progressiva dei treni’. Il Gruppo Fs Italiane invita i viaggiatori ad informarsi sulla situazione traffico ferroviario prima di mettersi in viaggio, anche attraverso i canali di informazione del Gruppo Fs Italiane: FSnews.it e su Twitter l’account @FSnews_it.

Esercito per le strade a spalare.

Interviene l’Esercito per togliere la neve dalle strade di Roma. Lo ha disposto il Dipartimento della Protezione Civile al termine del Comitato Operativo nel corso del quale é anche stato deciso di attivare il volontariato della Regione per assistere i viaggiatori bloccati in alcune stazioni della capitale.

Alberi caduti e auto in panne.

Alberi caduti e automobilisti in panne a causa della neve a Roma. Vigili del fuoco e carabinieri sono intervenuti in varie strade della città per alberi caduti su auto in sosta. In particolare in via Giovanni Conti, in zona Montesacro, in via dei Gracchi a Prati e in via Tullio Levi Civita a San Paolo. Molti i rami caduti sotto il peso della neve anche su Via Cristoforo Colombo in direzione del centro. I carabinieri hanno prestato assistenza anche a un automobilista rimasto bloccato sulla Cassia. Sono 65 gli interventi effettuati nella notte dai pompieri a Roma e Provincia. In azione all’alba anche mezzi spargisale sulla Diramazione Roma Sud.

Aperti i varchi della Ztl.

Il Campidoglio, a quanto si apprende, ha deciso di aprire i varchi delle zone a traffico limitato, varchi che dunque non saranno attivi. La scelta è stata presa nell’ambito del centro operativo comunale attivo da ieri alle 14 h 24 per fronteggiare l’allerta neve e la nevicata che è iniziata da stanotte sulla città.

Roma stamattina si è sveglia imbiancata e continua a nevicare. Il ‘piano di emergenza’ del trasporto pubblico è partito dalla mezzanotte e prevede oggi bus ridotti – circolano solo quelle con vetture dotate di gomme termiche – ma linee metro-ferroviarie regolari. Scuole chiuse nella Capitale per scelta del Campidoglio contro i rischi derivanti dal gelo. Alcune linee bus sono sospese a causa di impraticabilità delle strade Oltre 170 mezzi, già dislocati in diverse parti del territorio, sono al momento sono disponibili per l’emergenza neve in città. Il sale a disposizione, “è di mille tonnellate al giorno”, come spiegato nella serata di ieri dal Campidoglio.

Chiusi Colosseo, Fori Imperiali e Palatino.

A causa della neve sono chiusi Colosseo, Fori Imperiali e Palatino. Alcuni turisti ora sostano davanti l’area archeologica dei Fori e davanti all’Anfiteatro Flavio tutti innevati.

Disagi a Fiumicino.

L’aeroporto di Fiumicino al momento ha un’operatività ridotta, con una sola pista aperta. Lo ha comunicato l’Enac, aggiungendo che sono invece operativi quasi tutti gli scali principali, tra cui, Milano Malpensa, Bergamo, Milano Linate, Bologna, Genova, Torino con ritardi dovuti al deicing, gli aeroporti del Nord Est, Pisa, Firenze, Pescara, Reggio Calabria, quelli della Sicilia e della Sardegna. Non operativo lo scalo di Perugia che riaprirà a breve. La pista di Fiumicino potrebbe comunque essere riaperta a breve.

Gli scali di Fiumicino e Ciampino stanno “progressivamente tornando verso la piena operatività” e anche “la Pista 3 del Leonardo da Vinci ha ripreso a funzionare regolarmente da pochi minuti e questo, insieme alla Pista 1 che non hai smesso di funzionare, consentirà di smaltire più velocemente i ritardi in arrivo e partenza cumulatisi nel corso della mattinata, così come le riprotezioni”. Lo annuncia Adr in una nota.


FOTO BLITZ QUOTIDIANO.