Terremoto Genova, forte scossa di magnitudo 4.1. Gente in strada. Epicentro a Bargagli

Le parole del sindaco di Bargagli: ''Ero a casa e ho sentito una scossa fortissima, tutto ha iniziato ad oscillare e i soprammobili sono caduti-ha aggiunto- per fortuna nessun danno ma solo tanto spavento. Sono scioccato''.

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 Settembre 2022 - 16:09
Terremoto Genova, forte scossa di magnitudo 4.1. Gente in strada. Epicentro a Bargagli

Terremoto Genova, forte scossa di magnitudo 4.1. Gente in strada. Epicentro a Bargagli

Una forte scossa di terremoto di magnitudo 4,1 è stata registrata a Genova. Tutto è avvenuto alle 15.39 di giovedì 22 settembre. Il sisma è stato avvertito in tutto il centro della città.

Il terremoto ha avuto un epicentro a due chilometri  da Bargagli. Lo ha reso noto l’Istituto di Vulcanologia. Le coordinate geografiche (lat, lon) sono 44.4390, 9.0680 e la scossa è stata registrata a una profondità di 10 km.

Le prime notizie

Moltissime persone sono uscite dalle case e dagli uffici: i Vigili del Fuoco stanno ricevendo moltissime segnalazioni ma al momento non c’è nessuna richiesta di intervento.

Le parole del governatore Giovanni Toti: “Caduta una statua della chiese di Pieve Alta”

“Da un primo monitoraggio – ha detto presidente della Liguria Giovanni Toti – il terremoto ha danneggiato la chiesa di Pieve Alta, ed è crollata sul sagrato una statua. Ma la cosa importante è che al momento non sembra ci siano feriti”.

Le parole del sindaco di Bargagli

“Al momento non mi risultato né feriti né danni , sto girando per il paese per verificare di persona”. Lo ha detto il sindaco di Bargagli Sergio Casalini. “Ero a casa e ho sentito una scossa fortissima, tutto ha iniziato ad oscillare e i soprammobili sono caduti-ha aggiunto- per fortuna nessun danno ma solo tanto spavento. Sono scioccato”. Il sindaco ha contattato subito il responsabile della protezione civile della Regione Liguria Giacomo Giampedrone prima di proseguire il sopralluogo in paese. ” I miei concittadini stanno già rientrando nelle case”.