Tony Iwobi (Lega) dopo la bimba morta di malaria: “Chiudere subito i confini”

di redazione Blitz
Pubblicato il 5 settembre 2017 14:36 | Ultimo aggiornamento: 5 settembre 2017 14:36
Tony Iwobi (Lega) dopo la bimba morta di malaria: "Chiudere subito i confini"

Tony Iwobi (Lega) dopo la bimba morta di malaria: “Chiudere subito i confini”

ROMA – Anche il caso della piccola Sofia, la bambina di 4 anni morta di malaria a Brescia, porta ad invocare “la chiusura ermetica dei confini”: l’auspicio è di Tony Iwobi, responsabile federale Dipartimento Sicurezza e Immigrazione della Lega Nord, di origini nigeriane.

“Il caso della bambina morta di malaria a Brescia, con la famiglia che di recente non è stata all’estero, è un fatto di una gravità assoluta. Oltre alle condoglianze alla famiglia e a una preghiera per la piccola, emerge l’allarme sanitario per il nostro Paese. Ovviamente attendiamo i controlli sanitari per capire che cosa è realmente accaduto a Brescia, ma il Governo deve immediatamente garantire la sicurezza sanitaria per i cittadini italiani e gli stranieri che vivono regolarmente nel nostro Paese”, ha fatto sapere in un comunicato Tony Iwobi. 

“Che assicurazioni danno la Presidenza del Consiglio e i ministri dell’Interno e della Salute che le orde di finti profughi che stanno invadendo l’Italia non stanno anche portando gravissime malattie? Sulla pelle della gente, specie dei bambini, non si può e non deve scherzare. Ora basta. Chiusura ermetica dei confini, espulsioni di massa e controlli sanitari a tappeto e capillari sui richiedenti asilo ancora presenti sul territorio nazionale. Non c’è un minuto da perdere. Sveglia!”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other