Treviglio, usano auto come ariete per sfondare vetrina della gioielleria. Arrivano carabinieri, ladri in fuga

di redazione Blitz
Pubblicato il 14 febbraio 2019 16:45 | Ultimo aggiornamento: 14 febbraio 2019 16:49
Treviglio, usano auto come ariete per sfondare vetrina della gioielleria. Arrivano carabinieri, ladri in fuga

Treviglio, usano auto come ariete per sfondare vetrina della gioielleria. Arrivano carabinieri, ladri in fuga

BERGAMO – Hanno usato un’auto rubata come ariete per sfondare la vetrina. Così hanno provato a svaligiare la gioielleria Torelli a Treviglio, in provincia di Bergamo, ma il colpo è fallito miseramente. A fermare la banda sono stati i carabinieri, accorsi immediatamente sul posto, dopo che l’allarme era scattato.

Il tentato furto è andato in scena mercoledì notte, intorno alle 2.30. La banda ha cercato di irrompere nel negozio utilizzando una Fiat Uno rubata alcuni giorni prima, sempre in provincia di Bergamo. Ma non hanno fatto i conti con l’allarme che ha attirato l’attenzione di una gazzella dei carabinieri, in quel momento impegnata in un giro di ricognizione sul territorio.

Vedendo arrivare i militari, i ladri si sono quindi dati alla fuga, lasciando sul posto l’auto utilizzata come ariete.  Sul veicolo sono stati trovati vari attrezzi utili per lo scasso. Sono ora in corso accertamenti tecnici e di polizia scientifica per individuare elementi utili al prosieguo delle indagini. Gli investigatori non escludono che la banda entrata in azione a Treviglio sia la stessa che ha assaltato con la stessa tecnica altre gioiellerie nel sud Lombardia.