Vieni da me. Luigi Pignoli, bimbo ero del sisma 2016: “Così ho salvato la mia famiglia”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 Giugno 2019 16:54 | Ultimo aggiornamento: 7 Giugno 2019 16:54
Luigi Pignoli a Vieni da me: Così ho salvato la mia famiglia dal sisma 2016

Vieni da me. Luigi Pignoli, bimbo ero del sisma 2016: “Così ho salvato la mia famiglia”

ROMA – Luigi Pignoli aveva solo 13 anni quando durante il terremoto del 24 agosto 2016 ad Accumuli ha salvato la sua famiglia. Lui stesso ha raccontato i tragici momenti del sisma alla conduttrice Caterina Balivo durante la puntata del 7 giugno di Vieni da me. Il ragazzino era in casa con la nonna, la zia e il fratellino e li ha portati fuori dalla casa, quella notte, prima che potesse accadergli qualcosa.

Luigi ha ricevuto l’onorificenza di Alfiere della Repubblica per i gesti di quella notte, ma alla Balivo dice di non sentirsi un eroe. Quella terribile notte del sisma, mentre la zia andava nel panico e non riusciva a reagire, Luigi l’ha portata fuori dalla casa mentre la terra tremava e poi ha messo in salvo anche la nonna e il fratellino. I suoi genitori, invece, erano a Roma per lavoro e disperati per non riuscire a mettersi in contatto con loro.  

Il ragazzino dopo il terremoto si chiuse e smise di parlare, soffriva perché si era reso conto che alcuni membri della loro famiglia erano morti. La mamma, anche lei in studio a Vieni da me, ha raccontato che solo una maestra riuscì a farlo parlare: “Quella sera mi disse che aveva fame e per me fu un miracolo”. Ma Luigi non vuole essere definito un eroe: “C’è un Alfiere che ha inventato un macchinario che serve per misurare delle cose per il corpo. Lui è un genio in confronto a me. Io non ho fatto niente”. Parole dette con imbarazzo, ma che scatenano un applauso del pubblico in studio.