Frits Bolkestein, il padre della direttiva Ue: “Non si applica agli stabilimenti balneari, sono beni non servizi”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 aprile 2018 12:04 | Ultimo aggiornamento: 19 aprile 2018 12:04
Frits Bolkestein, il padre della direttiva Ue: "Non si applica agli stabilimenti balneari, sono beni non servizi"

Frits Bolkestein, il padre della direttiva Ue: “Non si applica agli stabilimenti balneari, sono beni non servizi”

ROMA –  I proprietari degli stabilimenti balneari, titolari della concessione demaniale delle spiagge, sono da oggi un po’ più sereni. E’ stato lo stesso padre della direttiva europea sui servizi, Frederik (‘Frits’) Bolkestein, a dire chiaro che, poiché le spiagge sono beni, la direttiva che prende il suo nome, è stata mal interpretata e a loro non si applica.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

“Non voglio commentare la legge italiana ma per quanto mi riguarda le concessioni balneari non sono servizi ma beni, e quindi la direttiva sulla libera circolazione dei servizi non va applicata agli stabilimenti balneari”, ha chiarito l’ex commissario Ue. Parole pronunciate nell’aula dei Gruppi Parlamentari a Montecitorio, davanti a tanti titolari di concessioni balneari riuniti dall’associazione “Donnedamare” e dalla forzista Deborah Bergamini che, insieme a Mariasella Gelmini, ha ribadito l’impegno del suo partito a bloccare le gare.

“In gioco – ha detto Bergamini – ci sono 30.000 imprese e 300.000 lavoratori. L’Italia, a differenza di altri paesi come la Spagna, la Grecia e la Croazia, non è riuscita ad imporsi a Bruxelles gettando in un’incertezza drammatica tante famiglie”. Durante l’incontro, a dare solidarietà ai titolari degli stabilimenti balneari, è passato tutto il centrodestra (o quasi) e anche qualche rappresentante del centrosinistra.

A sorpresa sono arrivati Matteo Salvini e Giorgia Meloni, ma a ribadire il proprio impegno per impedire l’applicazione della Bolkenstein a spiagge e posti per i banchi di vendita nei mercati comunali c’erano anche Maurizio Gasparri, Gian Marco Centenario (Lega), Gianni Alemanno. “In questo Parlamento ci sono i voti sufficienti per dire no alla cattiva interpretazione della direttiva Bolkestein. Ci sono i numeri sufficienti per bloccare le gare sulle concessioni balneari” ha detto Gasparri in un giorno dove la conta dei numeri è un argomento sensibile.

Centenario capogruppo della Lega al Senato attacca: “Ci hanno detto che difendevamo le lobby delle spiagge. Ma le lobby vere sono quelle dei fondi di investimento e dei grandi gruppi internazionali che vogliono appropriarsi delle spiagge e di un settore, quello turistico, che è la nostra ricchezza e la nostra storia”. Spagna, Grecia e Croazia, sono riuscite a ottenere dalla Ue di non fare le gare.

Perché l’Italia no ? E’ la grande domanda. “Avere o meno un accordo con l’Ue per ottenere una proroga di 75 anni, come ha fatto la Spagna – ha risposto Bolkenstein – dipende dal governo italiano. Se posso dare un consiglio utile per il nuovo governo – ha aggiunto – suggerirei di fare presente alla Commissione Ue che i titolari degli stabilimenti balneari non forniscono servizi ma sono titolari di un bene”.