Donald Trump, quando il “re del debito” cominciò a spendere milioni di dollari propri

di redazione Blitz
Pubblicato il 10 maggio 2018 6:08 | Ultimo aggiornamento: 10 maggio 2018 0:33
Donald Trump foto Ansa

Donald Trump, foto Ansa

ROMA – Donald Trump si autodefinisce il “re del debito”. Ad un certo momento della sua carriera come immobiliarista e finanziere, ha cominciato infatti a fare acquisti il contanti e con soldi propri, rinunciando alla pratica [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui, Ladyblitz – Apps on Google Play] di farsi prestare i soldi dalle banche seguita invece ai suoi esordi.

Nei nove anni precedenti alla candidatura alla presidenza, la società di Trump ha speso più di 400 milioni di dollari in contanti su nuove proprietà, incluse 14 transazioni pagate per intero, senza chiede prestiti alle banche, in una sorta di “abbuffata” di acquisti che sfidava le pratiche del settore immobiliare.

Un team di giornalisti del Washington Post si è messo sulle sue tracce, ricostruendo le varie transazioni  a partire dal 2006. L’enorme esborso di contanti, rintracciato attraverso i registri pubblici e reso pubblico per la prima volta dal quotidiano apre una nuova finestra sulla società privata del presidente: rivela pochi dettagli sulle sue finanze. Ciò dimostra che Trump aveva accesso a molti più soldi di quelli già noti, nonostante la sfilza di bancarotte commerciali e il martellamento della Grande Recessione sul settore immobiliare.

Perché il “re del debito”, come si è definito nelle interviste, si è allontanato da quella strategia, sfidando il buon senso immobiliare secondo cui non è saggio rischiare molto del proprio denaro in alcuni progetti? E come ha fatto Trump, che aveva soldi impegnati nei campi da golf e negli edifici, a raccogliere abbastanza liquidità per continuare gli acquisti? Dall’esterno è difficile valutare quanto denaro abbia la Trump Organisation. Eric Trump, il figlio del presidente che aiuta a gestire la compagnia, ha dichiarato al Washington Post che nessuna somma utilizzata per acquistare le 14 proprietà proviene da investitori esterni o dalla vendita di importanti beni della Trump Organization.

Eric Trump ha sostenuto che le imprese esistenti dell’azienda, edifici commerciali a New York, contratti di licenza per hotel e abbigliamento firmati Trump, hanno prodotto così tanto guadagno che quando i Trump devono spendere, attingono a questo flusso di denaro. “Ha avuto un incredibile flusso di cassa e realizzato una ricchezza incredibile”, ha detto Eric Trump. “Non aveva bisogno di pensare al prestito per ogni transazione. Abbiamo investito in noi stessi”. Gli acquisti sono iniziati nel 2006, con una proprietà da 12,6 milioni di dollari in Scozia. Nei due anni successivi, ha acquistato due case a Beverly Hills.

Cinque club di golf lungo la costa orientale e un vigneto in Virginia. La più cospicua entrata di denaro c’è stata prima che Trump annunciasse la corsa alla presidenza. Nel 2014, ha sborsato 79,7 milioni di dollari per i grandi campi da golf in Scozia e Irlanda. Da allora, quei club hanno perso denaro ma Trump li ha rinnovati, spendendo altri 164 milioni in contanti per mantenerli in funzione. La sontuosa spesa di Trump è arrivata in un momento in cui la sua attività si basava principalmente su un importante istituto finanziario per nuovi prestiti: la Deutsche Bank, che ha fornito 295 milioni di dollari in finanziamenti per grandi progetti a Miami e Washington.

Eric Trump ha detto che il padre non è stato costretto a ricorrere a una pesante strategia. Se avesse voluto, Trump avrebbe potuto prendere in prestito più denaro ma era inasprito rispetto al chiedere prestiti in generale, dopo un contenzioso per dei debiti non pagati all’inizio degli anni ’90.

Gli investitori immobiliari in genere non acquistano grandi proprietà con il loro denaro, al loro fianco ci sono partner che investono e banche che concedono prestiti. Soprattutto nel perseguire progetti importanti, le società immobiliari private di solito prendono in prestito denaro. Lo stesso Trump ha abbracciato quella filosofia, tessendo le lodi del prestito importante, anche più entusiasta di altri dirigenti immobiliari. Fino a quando, improvvisamente, ha smesso di esserlo.

I documenti raccontano la storia, scritta in caratteri minuscoli e nella prosa degli avvocati, della vistosa carriera di Trump nel settore immobiliare. Una carriera costruita sul debito. . . e sempre maggiore debito. “Ha sempre utilizzato i soldi degli altri. Certamente. Non in contanti”, ha detto Barbara Res, dirigente per Trump negli anni ’80 e gran parte degli anni ’90. “Ha sempre avuto qualcuno che anticipava dei fondi per lui, che ha prestato denaro. E ha messo su lo splendore.”

Il debito ha contribuito a far arrivare Trump all’apice. Nel 1988, quando Trump acquistò il famoso Plaza Hotel di New York, pagò 407,5 milioni di dollari. Aveva ottenuto un prestito di 425 milioni di dollari. “Se il mondo dovesse precipitare, non perderò un dollaro”, aveva dichiarato Trump a un giornalista nel 1988 e aggiunto di aver scaricato il rischio investendo e prendendo a prestito denaro da altre persone. Ma poi fu il debito che quasi affondò Trump, quando una recessione alla fine degli anni ’80 minacciò i rischiosi investimenti in hotel, casinò e aeroplani. Tra le proprietà che ha perso c’è stato il Plaza: nel 1995 la banca se l’è ripresa e venduta per 325 milioni di dollari.

Non è mai andato in bancarotta, ma le sue proprietà immobiliari si sono ridotte. Poi il debito lo ha aiutato a rientrare. Dopo diversi anni a basso livello negli anni ’90, Trump ha iniziato a ricostruire l’attività immobiliare con denaro preso in prestito. Ha ottenuto mutui per comprare un edificio per uffici a Wall Street, campi da golf in Florida e New York, una casa da 700.000 dollari a Palm Beach, in Florida. George Ross, consulente legale che consigliò Trump per 25 anni, riassunse l’atteggiamento nei confronti del debito in una frase:”Prendi in prestito più che puoi per tutto il tempo che puoi”, scritta nel libro di Ross “Trump Strategies for Real Estate”.

Nel volume, Ross ha spiegato che il prestito permetteva a Trump di spendere denaro in più progetti contemporaneamente, quindi riempire il resto con prestiti e investimenti dei partner, proteggendo il suo conto in banca e ottenendo significative riduzioni d’imposta sull’interesse da pagare. “Quando Trump investe in un progetto immobiliare, in genere mette meno denaro di quanto si possa pensare”, ha scritto Ross, spiegando come Trump ha seguito questa regola. “In genere, i suoi investitori nel progetto mettono l’85% mentre Trump il 15%”. Nel 2006, lo stesso anno in cui è stato pubblicato il libro di Ross, Trump ha cambiato approccio. Cominciò a comprare dei terreni vicino ad Aberdeen, sulla costa scozzese del Mare del Nord.

Per la proprietà Trump ha pagato 12,6 milioni di dollari. Ha speso almeno 50 milioni in più per realizzare un campo da golf nella zona, con problemi per l’utilizzo del suolo e fino al 2012 non è stato aperto. Trump iniziò presto a comprare altre proprietà in contanti, in luoghi lontani dalla Scozia, paese dove era nata la madre. Nel 2008 e nel 2009, ha pagato 17,4 milioni di dollari in contanti per due case vicine a Beverly Hills. Nel 2009, ha speso 6,7 milioni in due golf club, uno fuori New York e un altro fuori Philadelphia.

A Charlottesville, ha pagato 16,2 milioni per un vigneto, acquistando i primi lotti nel 2011. “Lo posseggo al 100%, nessun mutuo, nessun debito. Puoi controllare tutto”, ha detto Trump durante la campagna presidenziale del 2016. Entro il 2011, Trump aveva speso almeno 46 milioni di dollari per acquisti interamente in contanti. Per questo periodo di tempo, i registri pubblici rivelano alcuni dettagli sulle finanze della Trump Organization.

La società ha acquisito decine di milioni di dollari dalla vendita di immobili residenziali, inclusa una casa a Palm Beach per 95 milioni di dollari nel 2008. Guadagnava denaro grazie a contratti di licenza: nel 2015 Trump aveva dichiarato di aver riscosso almeno 9,1 milioni da quelle offerte, in 16 mesi. La società ha anche riscosso l’affitto dagli edifici commerciali, realizzando ciò che Forbes ha recentemente stimato in 175 milioni di dollari all’anno.

Nello stesso periodo, alcune delle aziende di Trump hanno anche avuto problemi finanziari. La società di casinò e hotel, quotata in borsa, nel 2009 ha dichiarato bancarotta. E nel 2008, Trump ha citato la Deutsche Bank per contestare l’entità dei suoi pagamenti su un prestito relativo alla sua torre a Chicago.

La logica di Trump in quel caso: la crisi finanziaria del 2008 aveva distrutto totalmente il business immobiliare al punto da considerarla come un atto divino. Eric Trump ha detto che, in quel momento, la società aveva accumulato abbastanza contanti da avere denaro pronto da spendere, per cui poteva fare delle offerte con un breve preavviso. Non volevano aspettare che le banche e i partner esterni firmassero e hanno pagato in contanti. Nonostante l’avversione per le pratiche bancarie, la Trump Organisation, in quel periodo ottenne ancora prestiti dalla Deutsche Bank.

A partire dal 2012, Trump ha preso in prestito 125 milioni per acquistare il golf club Doral in Florida e 170 milioni, sempre dalla stessa banca per rinnovare l’Old Post Office in un hotel a Washington. La Trump Organisation ha rifiutato di commentare il motivo per cui, questi casi, ha preso un prestito. Trump ha speso 65 milioni di dollari in questi due accordi per coprire i costi che la Deutsche Bank non ha fatto. Poi la spesa è diventata più grande.

L’anno prima che lanciasse la campagna per la presidenza, Trump realizzò i due più costosi acquisti in contanti che The Post ha pubblicato in un articolo. Nel 2014, ha sborsato 79,7 milioni di dollari per gli enormi resort di golf a Doonbeg, in Irlanda, e Turnberry, in Scozia ed entrambi in quel momento stavano perdendo denaro. I campi da golf sono stati gli ultimi acquisti in contanti prima di essere eletto presidente.

La Trump Organisation ha affrontato costosi rinnovamenti in entrambi i campi da golf, durante i quali hanno continuato a subire perdite. Sotto Trump, i due campi hanno perso almeno 240 milioni di dollari, secondo i registri delle società britanniche e irlandesi. Se Trump avesse finanziato la proprietà, i rischi dell’investimento sarebbero stati condivisi tra istituti di credito e altri partner. Geltner ha affermato che è insolito vedere una società non coinvolgere partner finanziari nell’acquisto o nella costruzione di progetti di grandi dimensioni.