Evasione fiscale, oltre 1000 aziende cinesi non pagano le tasse: hanno “risparmiato” 300 milioni di euro

Pubblicato il 4 agosto 2010 8:56 | Ultimo aggiornamento: 4 agosto 2010 9:21

Oltre un migliaio di imprese cinesi impegnate nel settore tessile hanno evaso il fisco per centinaia di milioni di euro. Lo ha scoperto la Guardia di Finanza dell’Emilia Romagna, che ha arrestato due imprenditori. Le imprese, secondo quanto ricostruito dai militari, erano sparse su tutto il territorio nazionale ed erano tutte riconducibili a cinesi.

Avrebbero evaso almeno 300 milioni di euro impiegando, tra l’altro, diversi operai clandestini, sempre di nazionalità cinese. Dalle indagini è inoltre emerso che a fornire la consulenza alle imprese per evadere il fisco, erano commercialisti cinesi laureati a pieni voti nelle universita’ italiane.